Le app che spennano gli utenti di iPhone: addebitati abbonamenti non voluti, costi fino a 10 euro a settimana


I possessori di un iPhone sono nel mirino di una trentina di app fraudolente pensate per spennare l’utente, addebitandogli il prezzo di abbonamenti costosi e non voluti. A lanciare l’allarme è un nuovo rapporto della società di sicurezza informatica Sophos, secondo cui queste applicazioni sono state scaricate cumulativamente 3,6 milioni di volte.

Gli analisti chiamano queste applicazioni “fleeceware”, cioè software che spennano (“fleece” in inglese) gli utenti. Sull’App Store, il negozio di Apple, ne sono state trovate oltre 30: da quelle per leggere l’oroscopo a quelle per modificare le foto, con abbonamenti fino a 10 dollari a settimana, cioè 520 euro all’anno.

«Come nel caso delle applicazioni Android scoperte nel 2019, gli sviluppatori di queste app approfittano di un modello di business in cui gli utenti possono scaricare e usare un’applicazione gratuitamente per un breve periodo. Quando la prova finisce – spiega il ricercatore Jagadeesh Chandraiah, autore del rapporto – se l’utente che ha installato queste app non ha disinstallato e informato lo sviluppatore di non voler più usufruire del servizio, lo sviluppatore addebita un costo». In caso di app legittime questo processo può costare pochi euro, ma con le app fleeceware, che non sono illegali ma approfittano della fiducia dei consumatori anche con pubblicità e recensioni fasulle, «vengono invece addebitati centinaia di euro».

Leggi anche:
In Campania zero burocrazia per i fondi a imprese e professionisti: ecco come funziona. De Luca: «Andiamo a testa alta»
– 
Bonus di 600 euro, beffa per avvocati e commercialisti: le Casse chiedono un nuovo documento, fondi quasi esauriti
– 
Vendevano gel disinfettante del 1989 ‘rigenerato’, in Salento sequestrate 27mila confezioni: denunciati due commercianti
– 
Campania, altri 300 milioni di euro contro la crisi: aumentano pensioni al minimo ed assegni sociali, minibond per le imprese
– 
Morì a 7 anni dopo essersi scontrata con una compagna di classe: insegnante e scuola dovranno risarcire i genitori
– 
Coronavirus in Campania, dopo Pasqua via ai test sierologici per la ricerca degli anticorpi nei laboratori privati
– 
Coronavirus, il Viminale ‘blocca’ l’esodo verso le case al mare. Circolare ai prefetti: nessuna deroga ai divieti
– Coronavirus, l’Italia deve resistere fino al 3 maggio poi la fase 2. Ma dopo Pasqua ci sarà qualche prima riapertura
– Coronavirus, in Campania è lockdown di Pasqua: negozi chiusi e controlli raddoppiati contro le gite. Contagi a +98

 

venerdì, 10 aprile 2020 - 17:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA