Morì a 7 anni dopo essersi scontrata con una compagna di classe: insegnante e scuola dovranno risarcire i genitori

Scuola

Uno ‘scontro’ durante la ricreazione. In apparenza un banale incidente tra due bambini che però è costato la vita ad una bimba di sette anni, Manal Benhaddou. Secondo il Tribunale civile di Bolzano, quella morte avvenuta undici anni fa poteva essere evitata se fossero stati chiamati in tempo i soccorsi o se quello prestato nell’immediatezza fosse stato adeguato. Per questo ha condannato l’insegnante della piccola, la scuola di Bolzano frequentata e la provincia di Bolzano a risarcire i genitori con un milione di euro in solido.

L’incidente è avvenuto il 29 ottobre del 2009. La bambina era a scuola e durante l’ora di ricreazione, giocando, batte violentemente la testa contro la testa di un’amichetta. Sembrava un banale incidente, ma al ritorno in classe Manal si senti male e vomitò. La maestra avvisò i genitori che la bambina stava male ma non disse loro dell’incidente nel cortile dell’istituto.

Riportata a casa dal padre, la bimba peggiorò vistosamente e venne trasportata in ospedale, dove fu subito operata alla testa per cercare di limitare i danni di un’emorragia cerebrale. A quel punto però era trascorso troppo tempo per salvare la bambina che infatti, nonostante l’intervento chirurgico, morì dopo alcuni giorni di coma.

Ora la giudice Ulrike Ceresara ha  riconosciuto l’insegnante, la scuola e la Provincia responsabili del decesso di Manal «per inadeguatezza del soccorso prestato e quindi per intempestivo ricovero presso l’ospedale di Bolzano». La bambina, secondo il giudice, si sarebbe potuta salvare se fosse stato subito avvisato il 118. L’insegnante, la scuola e la Provincia hanno annunciato ricorso. L’udienza d’appello si terrà in dicembre.

Leggi anche:
– 
Coronavirus in Campania, dopo Pasqua via ai test sierologici per la ricerca degli anticorpi nei laboratori privati
– 
Coronavirus, il Viminale ‘blocca’ l’esodo verso le case al mare. Circolare ai prefetti: nessuna deroga ai divieti
– Coronavirus, l’Italia deve resistere fino al 3 maggio poi la fase 2. Ma dopo Pasqua ci sarà qualche prima riapertura
– Coronavirus, in Campania è lockdown di Pasqua: negozi chiusi e controlli raddoppiati contro le gite. Contagi a +98

 

venerdì, 10 aprile 2020 - 08:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA