Coronavirus, per Pasqua un medico ha distribuito la comunione ai pazienti di Prato

(Foto Kontrolab)

«Ho pianto assieme ai pazienti. Gli ospedali sono luoghi di cura, ma non possiamo pensare di separare il corpo dallo spirito: mi rendo conto che nella lotta al Coronavirus il nostro sforzo è troppo indirizzato a combattere i mali fisici dei pazienti». Filippo Risaliti è medico all’ospedale di Prato ma ieri, Pasqua, con altri colleghi ha anche distribuito la Comunione ai malati di coronavirus.

Leggi anche / Il Coronavirus non molla la presa sulla Lombardia e incide sul bilancio nazionale: 566 vittime. Zero contagi in 2 regioni

L’idea è nata dagli stessi medici dopo aver ascoltato il Papa che ha «concesso l’indulgenza plenaria e riferito che i sanitari avrebbero dovuto svolgere il ruolo di intermediari della Chiesa per le persone sofferenti». Ieri il vescovo Nerbini ha dato loro il mandato di ministri straordinari della Comunione. «Ci siamo avvicinati ai letti e a coloro che lo volevano consegnavo l’ostia» ha raccontato Risaliti. In rianimazione il collega, ai pazienti intubati, «ha letto la preghiera»: uno, non intubato, «ha chiesto e ottenuto l’ostia». «È stato un momento di grande commozione, ci siamo uniti in un pianto con i pazienti».

Leggi anche:
– Coronavirus, medico di Torre del Greco deceduto al nosocomio Niguarda di Milano
– Avellino, litiga con la moglie e la colpisce con il manico di un’ascia: 50enne arrestato
– Detenuti positivi trasferiti nel carcere di Tolmezzo, il sindaco si ribella con una lettera di fuoco rivolta al Guardasigilli
– Torre Annunziata, nuova vittima del Coronavirus: è una 71enne. Controlli di Pasquetta, 38 sanzionati
Coronavirus in Campania: librerie e cartolerie chiuse, negozi per neonati aperti per 2 giorni e solo la mattina
– Coronavirus, dati in aumento: 610 vittime e 4694 contagi. All’aeroporto di Bergamo arrivano 88 infermieri da tutta Italia

lunedì, 13 Aprile 2020 - 20:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA