Coronavirus, sequestrate 116mila mascherine a Napoli: 2 denunciati

Guardia di finanza

Sequestrate a Napoli, dalla Guardia di Finanza, 116mila mascherine con falso ‘marchio CE’ pronte per essere messe in vendita. Due gli interventi messi in atto dai militari del comando provinciale, tra l’area est di Napoli e il quartiere Poggioreale. I finanzieri del gruppo Pronto Impiego, al termine di un pedinamento, hanno individuato, all’interno del parcheggio di un centro commerciale in via Gianturco, un 39enne di nazionalità cinese mentre scaricava dal proprio furgone numerosi cartoni contenenti mascherine chirurgiche, sulle cui confezioni vi era apposto il marchio ‘CE’.

I militari hanno chiesto di mostrare il certificato di conformità, il fascicolo tecnico e la documentazione fiscale, ma l’uomo non è stato in grado di esibire alcuna documentazione. Nel corso di un altro controllo individuato un 47enne, sempre cinese, mentre scaricava cartoni in zona Poggioreale: intercettato un carico di mascherine FFP2 non conformi alle normative vigenti. I due sono stati denunciati.

Leggi anche:
– Coronavirus, fase 2: riapertura a più velocità, primo step già a fine aprile
– Coronavirus, via alla ricerca di 51 addetti per la produzione di mascherine allo Spolettificio di Torre Annunziata
– Coronavirus, a Torre Annunziata c’è la quarta vittima: morto un uomo di 81 anni
– Coronavirus, cominciata la costruzione del Covid Center di Caserta
– 
Coronavirus, ecco la app che traccerà i contagi nella fase 2: è di un’azienda italiana, disponibile gratis per il Governo

sabato, 18 Aprile 2020 - 10:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA