Roma, colpo al patrimonio del clan Spada: confiscati beni per 18 milioni di euro

Ostia

Confiscato il patrimonio del clan Spada di Ostia. La guardia di finanza sta eseguendo un provvedimento emesso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Roma per la confisca dei beni mobili e immobili per un valore complessivo di 18 milioni.

Nello specifico, si tratta del patrimonio aziendale, in tutto o in parte, di 19 società, 2 ditte individuali e 6 associazioni sportive-culturali nel comune di Roma (per lo più ad Ostia) e operanti in svariati settori: la gestione di forni, bar, sale slot, distributori di carburanti, palestre, scuole di danza, nonché il commercio di autovetture e l’edilizia.

Tra queste attività rientra anche l’associazione ‘Femus Box’ che gestiva la palestra di Ostia dove, nel novembre del 2017, Roberto Spada aggredì, venendo poi condannato per lesioni aggravate dal cosiddetto metodo mafioso, una troupe della Rai. Gli ulteriori beni confiscati sono costituiti da due immobili a Ostia e Ardea (Roma), 13 automezzi e disponibilità finanziarie su rapporti bancari e postali.

L’indagine condotta dagli uomini del Gico del nucleo di polizia economico finanziaria di Roma hanno consentito di ricostruire tutto il patrimonio accumulato nel corso degli anni dai principali esponenti del clan: Carmine Spada, detto Romoletto, Ottavio Spada, Armando Spada, Roberto Spada e Claudio Galatioto. Un patrimonio accumulato, dicono gli investigatori, attraverso estorsioni, usura e traffico di droga.

Leggi anche:
– Auto impatta contro un tir e si ribalta: militare 33enne muore nel Salernitano
– Napoli, droga consegnata a domicilio con i corrieri: sequestrati 2 chili di hashish e marijuana
– Coronavirus, Bonaccini: «Il Governo intervenga, servono linee guida sulle mascherine. Sanzioni a chi non le utilizza»
– Coronavirus, Conte: «Immuni sarà su base volontaria e rispetterà la privacy». Per Arcuri è «Fondamentale per la fase 2»
– Coronavirus, Conte in Senato fischiato dalle opposizioni. Lui insiste su ‘fase 2’ graduale e omogenea e non chiude al Mes

mercoledì, 22 aprile 2020 - 11:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA