‘Ndrangheta, sequestro da 1,5 milioni per un 53enne di Nola: per i pm riciclava i soldi delle cosche

Guardia di finanza
La guardia di finanza (foto Kontrolab)

Eseguito da parte della Dia di Bologna, coadiuvata dalla Dia di Roma e di Napoli  e carabinieri del Comando Provinciale di Parma, un provvedimento di sequestro di beni per 1, 5 milioni di euro emesso dal Tribunale di Bologna su proposta del direttore della Dia, Generale Giuseppe Governale, nei confronti di Pasquale Mucerino, 53enne originario di Nola, ma domiciliato a Fontevivo, nel Parmense.

Nel dettaglio, viene spiegato, sono stati sottoposti a sequestro 15 immobili – tra fabbricati e terreni -, situati in Emilia-Romagna, Umbria e Campania, 8 società di capitali, 26 autoveicoli oltre a diversi rapporti bancari.  L’operazione trae origine da un’attività investigativa condotta dal I Reparto Investigazioni Preventive della Dia, seguita da indagini patrimoniali svolte dalla sezione operativa di Bologna, che hanno svelato una sproporzione tra i redditi dichiarati e i beni nella disponibilità del 53enne  e del suo nucleo familiare, nel medesimo arco temporale che lo ha visto coinvolto in diversi procedimenti penali, inquadrandolo quindi tra «i soggetti che vivono abitualmente con i proventi di attività delittuose».

L’uomo, è stato oggetto di giudizio per reati contro il patrimonio, contro la persona, contro l’amministrazione della giustizia e fiscali, tra i quali un arresto, nel 2002, nell’ambito dell’operazione ‘Black Eagles’ eseguita dal Ros dei Carabinieri di Perugia, con l’accusa di aver riciclato i proventi del traffico di sostanze stupefacenti per conto della ‘ndrina “Facchineri” di Cittanova, in provincia di Reggio Calabria.

Leggi anche:
– Roma, colpo al patrimonio del clan Spada: confiscati beni per 18 milioni di euro
– Auto impatta contro un tir e si ribalta: militare 33enne muore nel Salernitano
– Napoli, droga consegnata a domicilio con i corrieri: sequestrati 2 chili di hashish e marijuana
– Coronavirus, Bonaccini: «Il Governo intervenga, servono linee guida sulle mascherine. Sanzioni a chi non le utilizza»
– Coronavirus, Conte: «Immuni sarà su base volontaria e rispetterà la privacy». Per Arcuri è «Fondamentale per la fase 2»

giovedì, 23 Aprile 2020 - 09:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA