Politica ai tempi del Coronavirus, il Consiglio regionale campano tenta la riunione a distanza ma fa cilecca


Flop digitale al Consiglio regionale della Campania. Dopo le scuole, i tribunali, uffici pubblici e privati, anche la politica sbatte il muso contro i problemi che il lavoro a distanza comporta. E, nel tentativo di discutere un’informativa sull’emergenza Coronavirus, fa cilecca. Le difficoltà registrate nei collegamenti tra i vari consiglieri, alcuni presenti in aula con la presidente D’Amelio, altri dalle loro abitazioni o uffici, hanno messo ko l’Assemblea ed il presidente della Giunta Vincenzo De Luca, di cui era atteso l’intervento. Data la situazione, il vicepresidente del Consiglio, Ermanno Russo, ha proposto un rinvio di 24 ore per consentire di testare il sistema di collegamento audio video.

Leggi anche:
– App Immuni, l’avvocato Lisi (Anorc): «Senza tamponi, è un rischio inutile. Se non c’è trasparenza, non la scaricherò»
– Camorra, scarcerato l’ex ‘re delle pizze’ Antonio Righi: condannato a 14 anni per avere riciclato i soldi di due clan
– Violenza su pazienti disabili in una struttura protetta: 2 arresti nel Milanese
– Coronavirus, si rischia un nuovo esodo dal Nord: biglietti di treni e aerei già esauriti per il 4 maggio
– Aggredisce con calci e pugni l’ex compagna: 45enne arrestato nel Napoletano
– Coronavirus, Colao: «Apertura a ondate per testare il sistema. Urgono aiuti alle imprese»
– Bonus autonomi, il Governo valuta un tetto da 35mila euro sul reddito dichiarato
– Coronavirus, fase 2: verso la ripresa delle celebrazioni religiose. Ipotesi riaperture regionalizzate

mercoledì, 29 Aprile 2020 - 18:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA