Napoli, droni per la polizia locale: nella ‘fase 2’ più sistemi di controllo contro gli assembramenti


È stato firmato il protocollo di intesa tra il Comando di Polizia Locale di Napoli e la Tecnoshow Service per l’utilizzo di SAPR, ovvero sistemi aeromobili a pilotaggio remoto, (droni) a supporto delle attività espletate dalla Polizia Locale. La Giunta ha approvato la delibera di presa d’atto del protocollo, su proposta dell’assessore con delega alla sicurezza urbana e polizia locale Alessandra Clemente.

L’accordo è stato condiviso con Questura e Prefettura ed è senza alcun costo per il Comune di Napoli. Il Comando di Polizia Locale impiegherà i due droni in particolare per l’emergenza epidemiologica da COVID-19, per individuare con maggiore precisione eventuali assembramenti di cittadini presso aree estese, così favorendo le attività del personale appiedato ed automontato.

Leggi anche:
– 
Camorra, estorsioni ad imprenditori: due arresti nel clan Puca. Ordinanza per il figlio di Pasquale ‘o minorenne
– 
Coronavirus, parlamentari della Lega ‘occupano’ Camera e Senato. Salvini: «Qui finché il Governo non darà risposte»
– Esami di maturità, Azzolina: «Inizieranno il 17 giugno. Cambia la composizione del voto finale»
– Coronavirus, l’appello del Papa: «Aiutiamo i disoccupati e preghiamo per l’Europa unita»
Coronavirus, Arcuri: «Pronti a nuovo picco ma non all’apocalisse». In Italia altri 323 morti e 2086 nuovi casi
– App Immuni, l’avvocato Lisi (Anorc): «Senza tamponi, è un rischio inutile. Se non c’è trasparenza, non la scaricherò»

giovedì, 30 Aprile 2020 - 10:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA