Napoli, lutto nel mondo dei penalisti: l’avvocato Aprea lascia di sé il ricordo di un uomo generoso e sorridente

filippo aprea avvocato
L'avvocato napoletano Filippo Aprea

Se n’è andato all’improvviso. Stroncato da un infarto. Filippo Aprea, penalista 66enne, apre una nuova ferita di dolore nel mondo dell’avvocatura partenopea. Uomo di grande generosità, l’avvocato Aprea è morto questa mattina. Se ne va portando con sé la sua allegria, la battuta sempre pronta ma lasciando a chi l’ha conosciuto un ricordo indelebile della sua persona e i tanti consigli dispensati ai giovani avvocati.

Tra i casi giudiziari che hanno impegnato buona parte della sua carriera vi è l’affare Kerasav, l’inchiesta su presunte infiltrazioni camorristiche nell’acquisto, da parte di una vecchia amministrazione di Portici, dell’area industriale dismessa ex Kerasav. L’avvocato Aprea era il difensore dell’allora sindaco Leopoldo Spedaliere, al quale la magistratura antimafia contestò il reato di concorso esterno in associazione di stampo mafioso. Fu una durissima battaglia giudiziaria, durata ben nove anni, anche perché quell’affare Kerasv fu una delle ragioni di un altro braccio ferro, quello sullo scioglimento del consiglio comunale prima disposto e poi annullato. Le pesanti accuse alla fine caddero: era il 6 novembre del 2007 quando il gip Paola Scandone prosciolse gli imputati «perché il fatto non sussiste».

L’avvocato Aprea ha indossato e onorato la toga per 41 anni. Alla sua famiglia le sentite condoglianze della redazione di Giustizia News24.

Leggi anche:
– 
Carceri, siluro di Di Matteo a Bonafede. E le opposizioni vanno all’attacco: «Fatti gravi, il ministro si dimetta»
– Coronavirus, scontro Boccia-Santelli. Il Governatore: «Confermo l’ordinanza. I ristoranti aperti dal Governo»
– Coronavirus, partita la Fase 2: a Milano treni regolari, aumenta il traffico in A1
– Traffico di sostanze stupefacenti: arrestate 25 persone vicine a Cosa Nostra
– Fase 2, il Governo chiarisce chi sono ‘congiunti’: ecco a chi si può fare visita
– Campania, dietrofront di De Luca sull’asporto: c’è il via libera, 4 regole da osservare o il locale verrà chiuso
– Coronavirus, test del Pentagono scopre i positivi prima che diventino contagiosi
– Giustizia, processo da remoto se lo chiedono le parti e uso telematico per deposito atti: il dl in Gazzetta Ufficiale

lunedì, 4 Maggio 2020 - 12:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA