Sgominata la banda delle carte di identità: arrestati 7 campani. Le indagini partite dalle Marche

carabinieri

Sono sette le persone, considerate parte della cosiddetta ‘banda delle carte d’identità’,  arrestate dai carabinieri della Compagnia di Osimo (Ancona), in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e agli arresti domiciliari del gip del Tribunale di Ancona.

L’ordinanza è stata eseguita in Campania, nei Comuni di Napoli, Somma Vesuviana, Brusciano, Sant’Antimo e Cercola. I sette sono ritenuti responsabili, in concorso, di furti pluriaggravati ed alcuni di loro anche di ricettazione.

Le indagini condotte dai carabinieri di Numana e coordinate dalla Procura di Ancona hanno consentito di disarticolare il gruppo criminale della provincia di Napoli, ritenuto responsabile di 22 furti in danno di uffici comunali, esercizi commerciali e agenzie di servizi nelle province di Ancona, Pesaro Urbino, L’Aquila, Benevento, Arezzo, Bari, Caserta, Salerno e Napoli.

Leggi anche:
– 
Coronavirus: bonus di 1000 euro per gli autonomi ed aiuti a bar e ristoranti. Tutte le novità del ‘decreto maggio’ 
– Napoli, i timori dei magistrati dopo i nuovi casi di contagio in Tribunale: «Categoria a rischio, subito test sierologici»
– 
Coronavirus, esodo dal Nord: 19 positivi su 1706 persone controllate in stazioni, caselli ed aeroporto
– 
L’Italia è ripartita: 4,4 milioni sono tornati a lavoro, ‘tiene’ il sistema dei trasporti e cala il numero dei trasgressori
– 
Napoli, giudice positivo al Coronavirus: scatta la sanificazione degli uffici del Tribunale. L’enigma del termolaser

martedì, 5 Maggio 2020 - 11:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA