Traffico internazionale di rifiuti e corruzione: 69 operatori indagati nell’area portuale di Salerno

Guardia di Finanza

Maxi operazione della Guardia di Finanza in Campania: dall’alba i militari stanno eseguendo 69 ordinanze di custodia cautelare in tutta la Regione. Il provvedimento, emesso dal gip del tribunale di Salerno, riguarda funzionari doganali, personale sanitario, spedizionieri, dipendenti di società operanti nel porto della città campana.

Sono indagati a vario titolo, in concorso, per ipotesi di peculato, corruzione, favoreggiamento personale, falso, traffico di influenze illecite, accesso abusivo a sistemi informatici, ricettazione, contrabbando e traffico internazionale di rifiuti. L’operazione riguarda anche le province di Avellino, Caserta e Napoli e riguarda reati commessi nell’area portuale salernitana.

Leggi anche:
– 
L’Italia è ripartita: 4,4 milioni sono tornati a lavoro, ‘tiene’ il sistema dei trasporti e cala il numero dei trasgressori
– 
Napoli, giudice positivo al Coronavirus: scatta la sanificazione degli uffici del Tribunale. L’enigma del termolaser
– Coronavirus, il Viminale: «Fermezza nei controlli, ma prudenza ed equilibrio»
– Coronavirus, Usb contro Eav: «Passeggeri ammassati sul treno della Cumana»
– Coronavirus, decedute due donne ospiti di una residenza per anziani a Ischia
– Coronavirus, De Magistris chiede più controlli: «Tamponi a tutti i viaggiatori»
– Carceri, siluro di Di Matteo a Bonafede. E le opposizioni vanno all’attacco: «Fatti gravi, il ministro si dimetta»
– Campania, via libera al Calcio Napoli e agli sportivi: sì agli allenamenti, imposte rigide condizioni e sanzioni per chi sgarra

martedì, 5 Maggio 2020 - 08:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA