Boom dei prezzi degli alimenti e dei beni di prima necessità: indagine dell’Antitrust su supermercati e cooperative

supermercato
Immagine generica

L’Antitrust ha avviato un’indagine preistruttoria inviando richieste di informazioni a numerosi operatori della grande distribuzione per acquisire dati sull’andamento dei prezzi di vendita al dettaglio e dei prezzi di acquisto all’ingrosso di generi alimentari di prima necessità, detergenti, disinfettanti e guanti, «al fine di individuare eventuali fenomeni di sfruttamento dell’emergenza sanitaria a base dell’aumento di tali prezzi».

I maggiori aumenti si riscontrano in aree non interessate da zone rosse o da misure rafforzate di contenimento della mobilità, spiega l’Autorità, non escludendo «fenomeni speculativi». Le richieste di informazioni, spiega l’Antitrust in una nota, riguardano oltre 3.800 punti vendita, soprattutto dell’Italia centrale e meridionale, pari a circa l’85% del totale censito da Nielsen nelle province interessate.

Nello specifico, dalle analisi preliminari svolte dall’Autorità sui dati Istat sono emersi a marzo 2020, per i prodotti alimentari, aumenti dei prezzi rispetto a quelli correnti nei mesi precedenti differenziati a livello provinciale. I maggiori aumenti si riscontrano in aree non interessate da zone rosse o da misure rafforzate di contenimento della mobilità.

L’Autorità, prosegue la nota, «ha ritenuto di non poter escludere che tali maggiori aumenti siano dovuti anche a fenomeni speculativi». Infatti, «non tutti gli aumenti osservati appaiono immediatamente riconducibili a motivazioni di ordine strutturale, come il maggior peso degli acquisti nei negozi di vicinato, la minore concorrenza tra punti vendita a causa delle limitazioni alla mobilità dei consumatori, le tensioni a livello di offerta causate dal forte aumento della domanda di alcuni beni durante il lockdown e dalle limitazioni alla produzione e ai trasporti indotte dalle misure di contenimento dell’epidemia».

I principali destinatari delle richieste di informazioni sono: Carrefour Italia, MD, Lidl, Eurospin, F.lli Arena, alcune cooperative Conad (Conad Sicilia, Conad Nord-Ovest, PAC 2000, Conad Adriatico, nonché Margherita Distribuzione), alcune cooperative e master franchisor Coop (Unicoop Firenze, Unicoop Tirreno, Coop Centro Italia, Coop Liguria, Novacoop, Coop Alleanza 3.0, Tatò Paride), diversi Ce.Di. aderenti a SISA (per esempio SISA Sicilia), SIGMA (per esempio Ce.Di. Sigma Campania) e CRAI (per esempio CRAI Regina).

Leggi anche:
– 
Mascherine, la Lombardia paga 14 milioni ad una società che non fornisce i dispositivi: arresto e maxi sequestro
– 
Fase 2, Bolzano anticipa tutti: sì alla riapertura di bar, ristoranti e musei. Poi toccherà a parrucchieri ed estetiste
– 
Il Coronavirus ‘annulla’ la millenaria festa dei gigli di Nola: l’unico precedente 80 anni fa per la guerra
– 
Fase 2 in Campania, incontro De Luca-ristoratori: un protocollo con regole certe per le riaperture e i matrimoni
– 
Coronavirus in Campania, +21 contagi: incremento di casi nell’ex zona rossa di Ariano. In 4 giorni 2310 rientri dal Nord
Strage in discoteca a Corinaldo, ammesse 80 parti civili al processo (abbreviato) alla banda dello spray
Coronavirus, il Cotugno vuole sperimentare la terapia al plasma iperimmune dei guariti

venerdì, 8 maggio 2020 - 10:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA