Coronavirus, contagi stabili ma ancora 243 morti. Migliora la situazione in Lombardia: frenano contagi e ricoveri

Coronavirus
(foto Kontrolab)

«L’ultimo dato a calare, putroppo, sarà quello dei deceduti». Lo hanno ripetuto in continuazione il capo della Protezione civile Angelo Borrelli e gli esperti epimedi epimediologi. Nozione che anche oggi ha trovato la sua conferma, le nuove vittime nelle ultime 24 ore sono 243. Il totale dei deceduti sale così a 30.201. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale, però, a 99.023, con un incremento di 2.747 persone rispetto a ieri. Il totale delle persone che hanno contratto il virus è 217.185, con un incremento rispetto a ieri di 1.327 nuovi casi. Il numero totale di attualmente positivi è di 87.961, con una decrescita di 1.663 assistiti rispetto a ieri.

Tra gli attualmente positivi 1.168 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 143 pazienti rispetto a ieri. 14.636 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 538 pazienti rispetto a ieri. 72.157 persone, pari al 82% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi. I tamponi effettuati sono 2.445.063, con un incremento di 63.775 rispetto a ieri. Le persone sottoposte a tampone sono 1.608.985.

La situazione in Lombardia
Sono 609 i nuovi casi accertati di Coronavirus in Lombardia per un totale di 80.723 ai quali vanno aggiunti nel totale complessivo 25 casi riguardanti il mese di aprile e rendicontati oggi. Si tratta un dato inferiore a quello degli ultimi giorni. I decessi sono arrivati a 14.939 (+94), i ricoverati nei reparti normali a 5.703 (in diminuzione di 146) mentre il numero di ricoverati in terapia intensiva è sceso a 400 (-80 rispetto a ieri). I tamponi effettuati sono stati 10.993 per un totale di 466.287

I casi positivi regione per regione
Nel dettaglio i dati attualmente positivi sono 31.983 in Lombardia (-32), 14.107 in Piemonte (-362), 7.730 in Emilia-Romagna (-281), 6.187 in Veneto (-347), 4.592 in Toscana (-124), 3.176 in Liguria (-72), 4.328 nel Lazio (-20), 3.238 nelle Marche (-9), 2.012 in Campania (-127), 872 nella Provincia autonoma di Trento (-38), 2.733 in Puglia (-67), 2.127 in Sicilia (+0), 911 in Friuli Venezia Giulia (-16), 1.713 in Abruzzo (-57), 502 nella Provincia autonoma di Bolzano (-49), 119 in Umbria (-22), 553 in Sardegna (-30), 123 in Valle d’Aosta (-7), 619 in Calabria (-14), 152 in Basilicata (-3), 184 in Molise (+14). Quanto alle vittime, sono in Lombardia 14.839 (+94), Piemonte 3.305 (+23), Emilia Romagna 3.797 (+31), Veneto 1.627 (+38), Toscana 930 (+15), Liguria 1.265 (+11), Lazio 549 (+6), Marche 954 (+6), Campania 386 (+7), Provincia autonoma di Trento 438 (+0), Puglia 443 (+2), Sicilia 253 (+2), Friuli Venezia Giulia 308 (+0), Abruzzo 351 (+3), Provincia autonoma di Bolzano 289 (+3), Umbria 71 (+1), Sardegna 119 (+0), Valle d’Aosta 139 (+0), Calabria 90 (+1), Basilicata 26 (+0), Molise 22 (+0).

Leggi anche:
– Coronavirus, finge una fuga di gas per spostarsi nella seconda casa: famiglia milanese denunciata
– Manduria, pestato a morte da una baby gang: chiesti 20 anni per 3 ragazzi
– Campania, De Luca sfida il Nord e prova a boicottarne la sanità: «Fatevi curare qui, possiamo dare la migliore assistenza»
‘Fase 2’, il Governo si adira per la fuga in avanti di Bolzano. Boccia: «Impugneremo la decisione delle riaperture»
– 
Centro estetico abusivo aperto nonostante i divieti anti-contagio: sanzionate titolari e cliente, appartamento sequestrato
– 
Confiscati 25 milioni di euro ad un medico, per gli inquirenti era un chirurgo al servizio della ‘ndrangheta
– 
Mascherine, la Lombardia paga 14 milioni ad una società che non fornisce i dispositivi: arresto e maxi sequestro
– 
Fase 2, Bolzano anticipa tutti: sì alla riapertura di bar, ristoranti e musei. Poi toccherà a parrucchieri ed estetiste

venerdì, 8 Maggio 2020 - 18:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA