Era in carcere ma guidava il clan e ordinava estorsioni durante i colloqui: nuova ordinanza per il boss Palermo

Carabinieri
I militari dell'Arma (foto Kontrolab)

Ordinava le estorsioni e guidava il clan malgrado fosso chiuso in una cella del carcere napoletano di Secondigliano Francesco Palermo, reggente dell’omonima famiglia malavitosa, al quale i carabinieri di Castello di Cisterna e Marigliano (Napoli) hanno notificato un provvedimento di arresto insieme con altri tre indagati a vario titolo accusati di estorsione continuata, aggravata dal metodo mafioso.

Gli ordini, Palermo, li impartiva durante i colloqui con i familiari. Le indagini dei militari hanno consentito di fare luce sulle imposizioni che un imprenditore edile di Brusciano ha subìto dall’aprile al giugno 2019. La vittima ha versato parte del “pizzo” richiesto (per complessivi 2mila euro) a fronte di minacce e violenze. Palermo finì in carcere al termine di una inchiesta della DDA di Napoli sulla faida che ha insanguinato quell’area del Napoletano dal 2017 ad oggi. Gli arresti portarono in carcere Palermo ma anche Tommaso Rega, detto “o’ chirichiell”, reggente dell’omonimo clan.

Leggi anche:
Mascherine importate dalla Cina ma non a norma, 3 denunce: vendute in cinque regioni. Sequestrati 4mila pezzi
– Non riesce a pagare la dose di droga, i pusher lo sequestrano e chiedono il riscatto alla sorella
– Napoli, maxi-sequestro di sigarette: in un container trovate 5mila stecche, 43enne finisce in prigione | Video
‘Ndrangheta in Valle d’Aosta, sentenza prevista per giugno: 12 imputati, i pm hanno chieste pene sino a 20 anni

mercoledì, 13 Maggio 2020 - 15:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA