Mafia, l’ex deputato dell’Ars Ruggirello guarito dal Covid-19: torna nel carcere di Santa Maria Capua Vetere

Cella Carcere

E’ tornato in carcere, nella giornata di ieri (venerdì 15 maggio), l’ex deputato dell’Ars (Assemblea regionale siciliana) Paolo Ruggirello, che agli inizi di aprile era stato trasferito all’ospedale Cotugno di Napoli perché aveva contratto il Covid-19. Ruggirello è guarito e così è tornato nel penitenziario di Santa Maria Capua Vedere dove era detenuto.

La difesa aveva chiesto il trasferimento ai domiciliari ma il Tribunale di Trapani, collegio presieduto dal giudice Daniela Troja, ha rigettato la domanda. Ruggirello – arrestato per mafia il 5 marzo dello scorso anno nell’ambito del blitz Scrigno – è sotto processo con l’accusa di associazione mafiosa davanti ai giudici del Tribunale di Trapani.

Leggi anche:
Il murale ‘Fontana assassino’, il governatore: «Clima antilombardo». Il Partito dei Carc: «Solo scaricabarile»
– Omicidio Luca Sacchi, al via il processo: cinque gli imputati, c’è anche la fidanzata
– Marsala, Nicoletta uccisa da mani amiche: inflitti 30 anni all’uomo che le inferse 12 coltellate e le diede fuoco
– 
Napoli, documenti falsi per i clandestini: 4 fratelli a capo del business. Inchiesta intrecciata con l’attentato di Berlino
– 
Napoli, 20enne accoltellato davanti ad un locale del Vomero: lite scattata per una mascherina non indossata
– 
Mascherine e gel disinfettante non a norma, scatta il sequestro nel Napoletano: 6mila dispositivi Ffp2 e Ffp3 sotto chiave
– 
Editoria, sciopero di 48 ore dei giornalisti dell’Ansa contro i tagli prospettati dall’azienda

sabato, 16 Maggio 2020 - 10:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA