Coronavirus, Cesare Battisti resta in carcere: respinta la richiesta di domiciliari

Arrestato in Bolivia Cesare Battisti

La richiesta di misura alternativa al carcere è stata respinta. Cesare Battisti, l’ex terrorista dei Pac, resta in carcere per saldare il suo debito con la giustizia. Il magistrato di Sorveglianza di Cagliari ha respinto l’istanza che la scorsa settimana era stata presentata dall’avvocato Davide Staccanella.

La difesa aveva avanzato richiesta di misura alternativa per il rischio di complicanze in caso di infezione da Covid 19, sottolineando anche che Battisti è affetto da epatite B ed ha un’infezione al polmone, che lo mettono a rischio per la sua situazione carceraria. Battisti è detenuto nel carcere di Oristano: sta scontando l’ergastolo per 4 omicidio. E’ rientrato in Italia il 14 gennaio 2019, dopo 37 anni di latitanza, prima in Francia e poi in Brasile. Fu catturato in Bolivia che ha poi concesso l’estradizione.

Leggi anche:
– 
Niscemi: pensionato uccide la moglie con un tagliacarte, poi va in caserma e confessa l’omicidio
– 
Bus dirottato con 50 bambini a bordo, slitta a giugno la perizia psichiatrica sull’imputato | Il processo
– 
Parma, frode fiscale: 7 misure cautelari e sequestro di beni per 12 milioni di euro
Coronavirus, De Luca dichiara Letino zona rossa. Test sierologici su tutta la popolazione
– Fase 2, dal 3 giugno frontiere italiane aperte per i cittadini dell’Unione Europea
– Mafia, l’ex deputato dell’Ars Ruggirello guarito dal Covid-19: torna nel carcere di Santa Maria Capua Vetere
Il murale ‘Fontana assassino’, il governatore: «Clima antilombardo». Il Partito dei Carc: «Solo scaricabarile»
– Omicidio Luca Sacchi, al via il processo: cinque gli imputati, c’è anche la fidanzata

lunedì, 18 Maggio 2020 - 12:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA