Decreto Rilancio, l’Inps eroga il bonus di 600 euro per le partite Iva. A maggio indennità di mille euro

soldi

Verranno erogati tra oggi e lunedì i bonus di 600 euro del mese di aprile per i lavoratori autonomi iscritti all’Inps che li hanno già ottenuti a marzo. Lo annuncia in una nota l’Istituto di previdenza sociale che informa di avere completato le operazioni di pagamento della seconda rata (aprile) delle indennità di 600 euro a favore «dei lavoratori autonomi, dei collaboratori e degli stagionali del turismo e degli stabilimenti termali, come previsto dal Decreto Rilancio».

Già oggi, 22 maggio, sono state pagate le indennità a 1,4 milioni di persone; altre 400mila indennità saranno evase domani ed altri due milioni entro la giornata di lunedì. Il pagamento è stato effettuato con lo stesso metodo utilizzato al marzo, ovvero l’erogazione della ‘rata’ sul conto corrente indicato al momento indicato. Al destinatario dovrebbe pervenire un sms che avvisa dell’avvenuto pagamento. Mentre chi ha scelto il pagamento in contanti dovrà recarsi entro il 26 maggio presso gli uffici postali con la comunicazione di Poste Italiane, il documento di identità ed il codice fiscale.

Per il mese di maggio, in base al decreto Rilancio, è prevista l’erogazione di una indennità di mille euro che spetta però solo ai liberi professionisti iscritti alla gestione separata e titolari di partita inva attiva al 19 maggio 2020, non titolari di pensione e non iscritti ad altre casse previdenziali obbligatorie che abbiano subito una riduzione del reddito del secondo bimestre di almeno il 33% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Leggi anche:
– 
Dl Rilancio, caos ‘zone rosse’: tagliato l’elenco dei ristori ai Comuni, saltano Ariano e i paesi veneti. Ira di Zaia
– 
Coronavirus, Campania fanalino di coda per numero di tamponi. E la Lombardia ne fa quanti la Basilicata
 Sapone spacciato per gel antibatterico, maxi sequestro dei carabinieri nel Napoletano: denunciato un negoziante
– 
Coronavirus, l’ipotesi di election day a settembre allarga la crepa tra Governo e Regioni. De Luca: «Votare a luglio»
– 
Bufera sulle procure, il Csm punisce il pm Sirignano: via dalla Dna, va trasferito. Paga le conversazioni con Palamara
– Ragazza investita da un’auto pirata a Lecco: morte cerebrale per una 19enne
– «Gli farò superare il concorso, dammi 25mila euro», ma era un millantatore: 33enne arrestato

venerdì, 22 maggio 2020 - 11:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA