Praticanti avvocato, il 5 giugno sit-in davanti ai Tribunali di Napoli e Messina

Toghe

I praticanti avvocato di Napoli e Messina protagonisti di un sit-in di protesta per chiedere l’attenzione del Ministero della Giustizia sulla condizione di 25mila aspiranti legali. La manifestazione è prevista per il 5 giugno ed è organizzata dall’Upavv davanti ai tribunali delle due città. I praticanti di Messina e Napoli non aderiscono alle proteste che si svolgeranno in questi giorni a Roma.  L’Unione praticanti avvocati ha spiegato le motivazioni in una nota: «A causa della difficoltà oggettiva di uno spostamento tra le Regioni – chiarisce il Presidente Upavv Claudia Majolo – e per evitare ogni possibile forma di contagio, l’associazione Upavv rende noto che il 5 giugno, a partire dalle 11 si terrà un sit-in dinanzi ai Tribunali di Napoli e Messina».

Leggi anche / Esame avvocati, i praticanti bocciano la correzione da remoto degli scritti annunciata da Bonafede

 «Si vuole dare, in questo modo – prosegue il presidente Upavv – un segnale forte al Governo e al Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede per sottolineare le precarie condizioni degli oltre 25.000 aspiranti avvocato che stanno aspettando ancora di conoscere i risultati dell’esame di abilitazione 2019 o di poter sostenere gli orali della sessione 2018. Un clima già incerto e instabile reso ancora più cupo dai rallentamenti delle correzioni degli elaborati scritti causa Covid-19. Sarà una manifestazione pacifica e silenziosa, di appena una manciata di minuti, in cui i praticanti avvocato comunicheranno il proprio stato di agitazione reggendo il mano il codice, la laurea o il tesserino identificativo».

«È un grido, ancorché silenzioso, di dolore – conclude Majolo – l’unico modo per chiedere un’attenzione riservata già ad altre categorie professionali ma mai presa in considerazione nel caso dell’Avvocatura, nonostante l’altissimo valore morale e professione vantato dalla figura dell’avvocato».

Leggi anche:
– 
Caporalato ai danni dei riders, inchiesta parallela dei carabinieri: questionario ai fattorini in tutta Italia
– 
Fase 2: da oggi in 4 Regioni è scaricabile la app Immuni su Android e Ios. Allarme per il rischio virus da false mail
– 
Riaprono gli Scavi di Ercolano: 60 visitatori alla volta, controllo della temperatura e mascherina obbligatoria
– 
Camionista ucciso a coltellate nel Savonese, fermati tre colleghi. Avevano cenato insieme poi la lite
– 
Coronavirus, +355 casi in Italia. La Lombardia conserva il triste primato dei decessi: +33. Una vittima in Campania
– 
Nettuno, aereo ultraleggero precipita dopo il decollo: perdono la vita due giovani promesse del nuoto italiano
– 
Serie A, ripresa col rischio afa: solo 10 match di pomeriggio (mai a Napoli). Se tornano i contagi classifica cristallizzata
– 
Coronavirus, dietrofront della Grecia: sì ai turisti italiani, ma test e quarantena per chi arriva da Regioni a rischio
– 
Avellino, l’Unità di crisi della Regione scrive al prefetto sul caso Festa: «Grave rischio sanitario. Prendere provvedimenti»

 

lunedì, 1 giugno 2020 - 11:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA