Coronavirus, altre 55 vittime: miglior dato dal 2 marzo scorso. Oltre 160mila i guariti

(Foto Kontrolab)

Da domani torna la libertà di circolazione tra regioni senza condizioni, per una nuova fase dell’emergenza Coronavirus. E lo si potrà fare confortati dai dati comunicati dalla Protezione civile che anche oggi raccontano il miglioramento della situazione italiana nella crisi epidemiologica. Se da un lato si registra un rialzo nel numero di nuovi casi, c’è da segnalare però che le vittime, nelle ultime 24 ore, sono 55. Il totale dei decessi è di 33.530. Un numero di vittime così basso non si registrava dal 2 marzo, quando furono 52. Nella provincia autonoma di Bolzano e in 7 regioni non si sono registrate vittime: Marche, Umbria, Sardegna, Valle d’Aosta, Calabria, Molise e Basilicata.

Il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 233.515, con un incremento rispetto di 318 nuovi casi. Otto regioni comunicano zero nuovi positivi: Puglia, Trentino Alto Adige, Umbria, Sardegna, Valle d’Aosta, Calabria, Molise e Basilicata. Scende anche il numero totale di attualmente positivi è di 39.893, con una decrescita di 1.474 assistiti rispetto a ieri. Tra gli attualmente positivi, 408 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 16 pazienti. Sono 5.916 le persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 183 pazienti rispetto a ieri. 33.569 persone, pari all’84% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 160.092, con un incremento di 1.737 persone rispetto a ieri.

Nel dettaglio, i casi attualmente positivi sono 20.255 in Lombardia, 4.828 in Piemonte, 2.912 in Emilia-Romagna, 1.403 in Veneto, 1.011 in Toscana, 546 in Liguria, 2.847 nel Lazio, 1.326 nelle Marche, 890 in Campania, 1.051 in Puglia, 283 nella Provincia autonoma di Trento, 966 in Sicilia, 244 in Friuli Venezia Giulia, 743 in Abruzzo, 120 nella Provincia autonoma di Bolzano, 31 in Umbria, 155 in Sardegna, 13 in Valle d’Aosta, 112 in Calabria, 133 in Molise e 24 in Basilicata.

Leggi anche:
Roma, donna picchiata dal marito durante una lite: 39enne ricoverata in gravi condizioni
Caos Maturità, cercansi presidenti di commissione: buco di oltre mille unità, scoperto maggiore in Lombardia
– 
Condizione in cella «inumana e degradante»: detenuto risarcito economicamente e con uno sconto di pena
– 
Fase 2 della giustizia ancora al palo, l’Ordine degli avvocati di Milano: «Cancellieri insofferenti, legali ghettizzati»

martedì, 2 Giugno 2020 - 18:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA