Carceri, ancora alta tensione a Santa Maria Capua Vetere: sei agenti aggrediti

Santa Maria Capua Vetere Carcere
Il carcere di Santa Maria Capua Vetere

Non cala la tensione al carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), dove nella notte sei agenti della Polizia Penitenziaria sono stati aggrediti da due detenuti extracomunitari che, dopo aver dato fuoco alla propria cella – il rogo è stato spento – sono stati portati in infermieria; durante il trasporto, i due reclusi si sono scagliati addosso ai poliziotti mettendo a soqquadro sia la sezione che l’intero corridoio.

Tre agenti sono finiti in ospedale per le ferite riportate: uno lamenta un trauma cranico provocato da un colpo di sgabello. Sono stati infine denunciati all’autorità giudiziaria, e della vicenda è stato informato il provveditore regionale. «Ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni e dalla politica», dice l’assistente capo della penitenziaria Gaetano Napoleone.

Leggi anche:
– Spaccio in villa, 5 arresti nel Napoletano. Una ‘piazza’ con 80 clienti al giorno
– Anomalie nei report sulle galleria dell’autostrada di Genova, 10 indagati: ancora bufera sulla società Spea
Rapina al calciatore del Milan Castillejo, fermati i malviventi in trasferta: recuperato l’orologio da 80mila euro
– 
Inchiesta sulle mancate zone rosse in Lombardia, audizione di Giuseppe Conte davanti ai pm di Bergamo
– 
Fase 3, rinvio per il calcetto e le discoteche: sì ai centri estivi per bimbi e ai viaggi all’estero ma solo per 5 giorni

sabato, 13 Giugno 2020 - 11:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA