Morì folgorato al primo giorno di lavoro, fissato il processo: due imputati

Tribunale

Sarà un processo a fare luce sull’incidente costato la vita a Donato Maggi, di 37 anni, operaio originario di Carosino (Taranto), rimasto folgorato il 7 agosto 2018 nel cementificio di Fanna, nel Pordenonese, della Buzzi Unicem. Il gup del tribunale di Pordenone, Rodolfo Piccin, ha rinviato a giudizio Aldo Bertoia, 51 anni, di Latisana (Ud), titolare della Friul Montaggi, la ditta per la quale la vittima aveva appena iniziato a lavorare, e Dionisio Trevisan, 69 anni, di Precenicco (Udine), dirigente e responsabile del cantiere, e la stessa azienda per la responsabilità amministrativa.

I familiari dell’operaio, assistiti da Studio3A-Valore spa, e dall’avvocato Marco Frigo, del Foro di Padova, si sono costituiti parte civile. Il processo inizierà il 17 novembre prossimo dinanzi al giudice monocratico di Pordenone. Lo Studio3A riferisce che le difese degli imputati avevano chiesto il patteggiamento per Trevisan, il non luogo a procedere per Bertoia e la sospensione del procedimento per l’azienda per darle modo di adeguarsi alle disposizioni della legge 231.

Il pubblico ministero Federico Facchin, titolare del fascicolo per omicidio colposo, con l’aggravante di essere stato commesso in violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro, non ha però acconsentito al patteggiamento. Maggi, sposato da 5 mesi, si era stabilito a Ragogna (Ud) ed era stato assunto con contratto a tempo determinato (dal 7 agosto al primo settembre) dall’agenzia interinale Tempi Moderni, in somministrazione di lavoro alla Friul Montaggi srl di Porpetto (Ud), con la qualifica di operaio e per la mansione di manutenzione impiantistica: era al suo primo giorno lavorativo per la nuova impresa. Secondo l’accusa, il lavoratore non aveva alcun attestato di formazione specifica in materia di sicurezza sul lavoro e non vi erano evidenze circa l’avvio ai relativi corsi.

Leggi anche:
– 
Chiusa l’indagine sulla morte del parà Emanuele Scieri: cinque indagati per omicidio
– 
Coronavirus, al via le richieste per ottenere i contributi a fondo perduto: ecco chi ne ha diritto
– 
Immigrazione clandestina, 3 indagati nel Napoletano: sospeso dipendente dell’Anagrafe del Comune di Marano
– 
La fase 3 entra nel vivo: riaprono terme, centri estivi, cinema e teatri. Ecco il calendario delle ripartenze
– 
Milano, truffa sulle assicurazioni: scoperta rete di falsi broker, 44 denunce. Indagati anche gli Internet provider
– 
Duplice omicidio in provincia di Caltanissetta: fratelli imprenditori uccisi in un casolare di campagna
– 
Droga dalla Siria stipata in un container pieno di capi contraffatti: sequestro da 40 milioni nel porto di Salerno
– 
Decessi sospetti in una residenza per anziani della provincia di Ascoli, arrestato un infermiere: almeno 20 le morti anomale
– 
Coronavirus, la Lombardia non guarisce: ieri registrato il 72% del totale dei casi in Italia. In 11 Regioni nessun decesso

lunedì, 15 Giugno 2020 - 15:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA