Caso Venezuela-Cinque Stelle, la procura di Milano apre un’inchiesta: si punta al documento alla base dello scoop spagnolo

Tribunale di Milano
Il Palazzo di Giustizia di Milano

Un’inchiesta conoscitiva sul caso del presunto finanziamento da 3,5 milioni di euro in contanti dal Venezuela al fondatore del Movimento 5 Stelle Gianroberto Casaleggio (i fatti risalirebbero al 2010). Dopo la pubblicazione dello scoop da parte del giornale spagnolo Abc, inevitabilmente ripreso dai media italiani, la procura della Repubblica di Milano ha deciso di condurre delle verifiche. Per ora non ci sono indagati né ipotesi di reato.

L’indagine, coordinata dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli, responsabile del dipartimento che si occupa di reati fiscali e corruzione, punta ad approfondire in primo luogo l’autenticità del documento che il giornale spagnolo ha attribuito all’intelligence chavista (e che i Cinque Stelle hanno definito un fake) e che è alla base dello scoop firmato da Marcos Garcia Rey, giornalista freelance che si occupa da circa tre anni di Venezuela.
Per acquisire il documento in Spagna, i pm milanesi potrebbero ricorrere a un ordine di investigazione europeo. Contestualmente la procura potrebbe decidere di ascoltare una serie di persone informate sui fatti.

Leggi anche:
– 
Assenteismo, falsificava le presenze sul registro elettronico: interdetto docente e primario
– Napoli, picchiato e ferito a un piede da un colpo di pistola: aggressione a Ponticelli, 31enne in ospedale
– Milano, spaccio di stupefacenti: otto arresti. Scoperti 100mila euro in un muro
– Carceri, 25 cellulari nel doppiofondo delle pentole. La scoperta a Bellizzi Irpino
– Toscana, indagato il governatore Enrico Rossi: «Accuse infamanti e ridicole»
– Dl intercettazioni e carceri, il Senato dice sì alla fiducia posta dal Governo: il testo va convertito in legge entro fine mese
– 
Boss scarcerati, il pm Maresca sulla circolare del Dap sospesa: «Finisce una pagina brutta»

mercoledì, 17 Giugno 2020 - 19:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA