Toscana, indagato il governatore Enrico Rossi: «Accuse infamanti e ridicole»

Enrico Rossi
Enrico Rossi

Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha ricevuto un avviso di garanzia nell’ambito dell’inchiesta sulla gara regionale per l’affidamento del trasporto pubblico toscano. Lo stesso Rossi lo ha confermato in un post sul suo profilo Facebook dopo che la notizia è stata pubblicata su alcuni quotidiani. Tra le ipotesi della Procura quella di turbativa d’asta.

Sull’appalto, dal valore di 4 miliardi di euro e vinto da Autolinee Toscane, parte del gruppo francese Ratp, la Procura ha aperto un’inchiesta dopo gli esposti presentati dal gruppo uscito sconfitto, il consorzio Mobit. Rossi è indagato, insieme a funzionari regionali dei trasporti e ai membri della commissione aggiudicatrice, per un’intervista rilasciata nel 2015 in cui commentava l’aggiudicazione ad Autolinee Toscane mentre la gara era ancora in corso.

«Questa associazione di imprese – afferma Rossi sui social – non solo ha strumentalmente usato la giustizia amministrativa perdendo regolarmente tutti i ricorsi, facendo così ritardare il contratto con l’impresa vincente e quindi la partenza del servizio ma, come ultimo colpo di coda per bloccare le regolari procedure, ha fatto anche un esposto alla procura mettendo sotto accusa oltre a me, l’intera commissione regionale e i dirigenti del settore mobilità».

«Le accuse sono infamanti e ridicole» commenta. «Aspetto il momento giusto per procedere a querelare i calunniatori a cui consiglio di prepararsi a pagare per le loro diffamazioni. Per quanto mi riguarda l’accusa è di avere rilasciato, il 13 novembre 2015, dichiarazioni sull’esito provvisorio della gara, prima della sua conclusione formale. In realtà, coloro che hanno presentato l’esposto nascondono il fatto che la notizia già da un mese era di pubblico dominio e che la stampa e le agenzie nazionali l’avevano ampiamente riportata, poiché la seduta della commissione per l’apertura delle buste era stata pubblica, come prevede la legge, e quindi tutti erano a conoscenza del risultato».

«La cosa più vergognosa  e triste – sottolinea – di questa vicenda è che con la strumentalizzazione della giustizia amministrativa e ora persino di quella penale si è sviluppato un contenzioso che ha ritardato di almeno 4 anni la partenza del nuovo servizio di trasporto pubblico locale, provocando un danno alle casse regionale di due milioni di euro per ogni mese, e impedendo ai cittadini di beneficiare da anni di un trasporto pubblico locale moderno e con autobus nuovi».

«L’ultima sentenza di questi giorni del Consiglio di Stato conferma che la gara è stata gestita correttamente e ci sollecita infatti a procedere alla conclusione dell’affidamento del servizio con la stipula del contratto con il vincitore, rigettando la richiesta di sospensione degli atti regionali fatta dai perdenti e rinviando la discussione di merito. I cittadini toscani avranno il nuovo servizio di trasporto pubblico locale» conclude Rossi.

Leggi anche:
– 
Dl intercettazioni e carceri, il Senato dice sì alla fiducia posta dal Governo: il testo va convertito in legge entro fine mese
– 
Boss scarcerati, il pm Maresca sulla circolare del Dap sospesa: «Finisce una pagina brutta»
– 
La ‘ndrangheta in Emilia Romagna, confiscati beni per oltre 500mila euro all’imprenditore legato a Grande Aracri
Accusato di stupro, il giornalista Massari resta in cella: il gip sposa la linea del pm e Mediaset sospende il professionista
Processo Olimpo, sulla bomba al Sole 365 l’imprenditore Apuzzo fa un passo indietro e smentisce le intercettazioni

mercoledì, 17 Giugno 2020 - 13:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA