Mafia, blitz contro i fiancheggiatori di Matteo Messina Denaro: arresti e perquisizioni

Matteo Messina Denaro

Blitz della polizia di Stato volto al contrasto della criminalità organizzata nella Provincia di Trapani. La squadra mobile di Trapani, su delega della direzione distrettuale antimafia di Palermo, sta eseguendo numerose perquisizioni e arresti nei confronti dei favoreggiatori di Matteo Messina Denaro.

Quindici gli indagati a vario titolo per associazione mafiosa, estorsione, detenzione di armi e favoreggiamento della latitanza del boss mafioso. Perquisita anche l’abitazione di Castelvetrano, residenza anagrafica del latitante Messina Denaro.

Il blitz siciliano è scattato dietro ‘l’ultimo’ pizzino del capomafia latitante Messina Denaro. Arrestati in particolare due persone ritenute, dagli inquirenti, fedelissime del boss: il ‘postino’ , Giuseppe Calcagno, che smistava i pizzini e, quindi, ordini da far valere, senza discutere, sul territorio; e Marco Manzo, una sorta di ‘ambasciatore’, cui competeva tenere i collegamenti con gli altri mandamenti.

Leggi anche:
La nuova e difficile battaglia di Alex Zanardi, condizioni gravissime dopo l’incidente. Attesi due bollettini medici
Carabiniere ucciso a Roma, dal processo le prime verità su quella tragica sera: il pusher era un informatore
Sorrento, stupro nel ristorante i ‘Giardini di Tasso’: seconda condanna per il titolare, ma per un episodio c’è l’assoluzione
Napoli, turista cinese pedinato per mezz’ora e rapinato del prezioso orologio: disposte altre due condanne
Milano, torturò e uccise il figlio di 2 anni: il racconto dei medici legali in aula, piedini ustionati e bruciature di sigarette

 

sabato, 20 Giugno 2020 - 10:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA