Mondragone, De Luca: «Quelle palazzine realtà di degrado, tutti si sono girati dall’altra parte». E attacca ancora Salvini

Vincenzo De Luca
Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca (Foto Kontrolab)

Apre la sua diretta Facebook con il caso di Mondragone. E non poteva essere diversamente. Ché la guerriglia urbana di ieri all’interno delle cinque palazzine ex Cirio in protesta con l’istituzione della mini zona rossa ha alzato il livello di tensione nell’intero comune casertano. Il Governatore della Regione Campania assicura che non sarà fatto un passo indietro sino a quando il focolaio non verrà spento. Ma nell’esaminare la problematica non manca di lanciare una stoccata a Matteo Salvini, con il quale è aperta una singolare tenzone elettorale che andrà avanti, a colpi di attacchi mediatici, sino al giorno delle elezioni regionali in Campania. Anche stavolta De Luca non cita direttamente il leader del Caroccio, ma il riferimento è evidente.

Leggi anche / Focolaio e alta tensione a Mondragone, Salvini cavalca il caso per dare addosso a De Luca: lunedì sarà nel comune casertano

Il richiamo cade nella disamina del quadro di degrado in cui versano le palazzine ex Cirio: «Abbiamo dovuto fare i conti con questa realtà in termini di degrado, tensioni e illegalità», dice De Luca. Una realtà dove ci sono appartamenti affittati in nero e gli stranieri vivono ammassati in poche stanze, una realtà che «per dieci anni si è fatto finta di non vedere» e «oggi non interveniamo in una situazione incancrenita da 10 anni rispetto alla quale un po’ tutti si sono girati dall’altra parte». De Luca cita a tale proposito anche il ministero dell’Interno e quindi chiama in causa Salvini: «Anche qualcuno di quelli che avrebbe dovuto fare qualcosa non ha fatto niente e oggi apre persino la bocca». Ecco, dunque, che De Luca invita a non tenere conto degli attacchi che provengono da una certa parte politica: «In questi due mesi vedrete di tutto ma noi non abbiamo tempo da perdere su demagogia, sondaggi falsi, sciacallaggio». E ricorda che il solo obiettivo della Regione Campania è spegnere il focolaio di Mondragone ed evitare che il contagio si espanda nei comuni vicini.

Leggi anche:
– 
Seiano, donna gambizzata con due colpi di arma da fuoco: è caccia all’aggressore
– 
Napoli, esplosione in un appartamento del quartiere Materdei: gravemente ferita una donna di 55 anni
– 
I vitalizi non saranno tagliati, la delibera dei Cinque Stelle affossata nottetempo in Commissione. E scoppia la bagarre
– 
Inchiesta ‘Mondo di mezzo’, tornano in libertà per decorrenza dei termini Salvatore Buzzi e Luca Gramazio
– 
Pensioni, a luglio arriva la quattordicesima: requisiti e modalità per ottenerla
– 
Catania, uccise il figlio di 3 mesi scaraventandolo a terra: 28enne condannata a 10 anni
– 
Strangolata e annegata nella vasca da bagno, rinviato a giudizio l’ex fidanzato
– 
Caso Saguto: confermata in appello la condanna del giudice Licata. Assolto l’ex membro del Csm Tommaso Virga

venerdì, 26 giugno 2020 - 16:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA