Furto di carburante dai mezzi della raccolta rifiuti, 25 indagati a Palermo

Carabinieri

Rubavano carburante dai mezzi dell’azienda che si occupa della raccolta rifiuti a Palermo: con questa accusa 25 persone sono state raggiunte da ordinanza cautelare, eseguita questa mattina nei loro confronti dai carabinieri della Compagnia di San Lorenzo. I venticinque indagati avrebbero sottratto benzina dai mezzi della Rap: 21 sono finiti in carcere, 8 ai domiciliari, 4 hanno obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.              Sono accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti e ricettazione, falsa attestazione della presenza in servizio e furto aggravato.

I furti venivano commessi nella discarica di Bellolampo quando i mezzi arrivavano nell’impianto per conferire i rifiuti. Almeno mille litri di gasolio ogni giorno. Tra gli arrestati nell’operazione ‘Beautiful Flash’ ci sono 10 dipendenti della Rap, due ex gestori di impianti di carburante in via Leonardo da Vinci e gli altri sono ricettatori che acquistavano il carburante e lo rivedevano. Le indagini sono iniziate a giugno del 2018 quanto i carabinieri avevano fermato cinque dipendenti della Rap, e un’altra persona, intenti a rubare il gasolio nel parcheggio della discarica di Bellolampo.

Era emerso nel tempo che c’erano ammanchi di carburante dai mezzi che si occupano della raccolta dei rifiuti. La discarica era tenuta sotto controllo. A giugno nel corso del furto è scattato il blitz. I cinque dipendenti della discarica dalla Rap insieme ad un’altra persona trovata nei pressi del mezzo avevano già prelevato 900 litri di gasolio. Adesso l’indagine è sfociata negli arresti.

Leggi anche:
– 
Violenza sulle donne, due vittime nell’Anconetano e nell’Aquilano. Grave una 70enne
– 
Giugliano, fiamme ad un ricovero per clochard: arrestata una senzatetto 49enne
– 
Bonus baby sitting esteso a nonni e zii: voucher fino a 1200 euro. Ecco chi e come può richiederlo
– 
Coronavirus: in Italia 174 casi (la metà in Lombardia), stabili i focolai. L’inchino di Mattarella al sacrificio di Bergamo
– 
Coronavirus in Campania: nessuna vittima e nessun decesso. Ma a Mondragone stabilimenti balneari e spiagge vuoti
– 
Marano, spaccio di droga nei pressi di pub e sale scommesse: 15 arresti. ‘Piazza’ anche a Fuorigrotta | I nomi

lunedì, 29 Giugno 2020 - 10:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA