Indennità a pioggia su medici di guardia, per la Finanza non erano dovute: buco da 20 milioni nei conti della Sanità ligure

medico

Una pioggia di indennità orarie aggiuntive che, secondo gli investigatori, non spettavano ai medici di guardia medica delle Asl liguri che invece ne avrebbero indebitamente beneficiato. Una ‘prassi’ scoperta dalla Guardia di Finanza di Genova, questa di elargire indennità non dovuto, e che avrebbe provocato una voragine nei conti delle aziende sanitarie locali per almeno 20 milioni di euro.

Gli accertamenti, svolti dal Gruppo Tutela Spesa Pubblica del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Genova, hanno evidenziato una distribuzione a pioggia delle risorse finanziarie disponibili che sono state erogate ai medici in assenza di progetti ovvero in relazione a mansioni ordinarie. L’Accordo collettivo nazionale e gli Accordi integrativi regionali, invece, prevedono l’erogazione di una indennità̀ aggiuntiva solo per specifiche attività̀ progettuali e per lo svolgimento di attività̀ aggiuntive a quelle normalmente svolte nonché́ la relativa rendicontazione ed il raggiungimento di obiettivi prefissati, per il miglioramento del servizio sanitario.

Gli accertamenti hanno riguardato il periodo 2009-2019 tutte le Asl e, per la sola Asl 3, quello 2007-2017:  la spesa sostenuta dalle aziende sanitarie della Liguria, pari a circa venti milioni di euro, è stata segnalata quale danno erariale alla Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale della Corte dei Conti della Liguria.

Leggi anche:
– 
Gli affari della ‘ndrangheta brianzola con gli alberghi in crisi: 4 arresti. Un hotel ligure nelle mani della cosca
– 
Furti d’auto in 60 secondi poi il cavallo di ritorno: colpi a raffica nel parcheggio del Vulcano Buono di Nola, 4 indagati
– 
Furto di carburante dai mezzi dell’azienda rifiuti di Palermo, 11 dipendenti indagati saranno licenziati
– 
Mafia, 11 arresti nel Palermitano: negozianti vessati per il pizzo. Le mani del clan Farinella sulle forniture di carne
– C
oronavirus, morti al minimo ma guardia alta sui focolai. A Mondragone +23 positivi, chiuso un mattatoio a Mantova

martedì, 30 giugno 2020 - 09:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA