Scuola, con la didattica a distanza un alunno su dieci escluso dal processo educativo

Scuola

Con la didattica a distanza seguita durante il lockdown «oltre 10 ragazzi su 100 sono rimasti esclusi dal processo educativo». E’ quanto denuncia una ricerca condotta da Agcom. Inoltre, un ulteriore 20% ha potuto frequentare i corsi soltanto in maniera saltuaria, senza poter svolgere regolarmente le lezioni relative all’anno scolastico in corso.

Dalla relazione Agcom sulla didattica a distanza emerge che per quasi 40 studenti su 100 non vi è stato nessun problema; 25 studenti su 100 lamentano problemi di velocità della connessione da casa; 19 studenti su 100 segnalano che non tutta la “classe” ha potuto prendere parte alle lezioni a distanza; quasi 14 studenti su 100 indicano che l’utilizzo dei software per l’educazione a distanza risulta complesso; quasi 14 studenti su 100 lamentano di non avere spazi sufficienti in casa senza arrecare disagio ad altri familiari; 10 studenti su 100 rilevano che la scuola non ha attivato tutti i corsi/materie previste.

Leggi anche:
Terni, due adolescenti trovati morti in casa. Avanza l’ipotesi del decesso per assunzione di droga
– Napoli, bimbo comprato illegalmente: assolto il boss Ciro Rinaldi. Il pm aveva chiesto 12 anni di reclusione
– 
Camorra, nuova inchiesta sui business della Vanella Grassi: 51 indagati. Il ras detenuto dettava ordini dal carcere
– 
Procedimenti aggiustati al Tribunale di Trani, il racconto del processo sul ‘sistema’ fermato nel 2019 | Prima udienza
– C
onti correnti online svuotati da hacker informatici, sgominata organizzazione italo-rumena

martedì, 7 luglio 2020 - 17:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA