Finti poveri per ottenere buoni spesa per famiglie in difficoltà, 126 denunciati

Guardia di finanza
La guardia di finanza (foto Kontrolab)

Avevano presentato false autocertificazioni dichiarando di non avere fonti di sostentamento finanziario e di trovarsi in condizioni di indigenza mentre in realtà erano in possesso di disponibilità liquide su conti correnti, ricevevano lo stipendio e, in qualche caso, percepivano il reddito di cittadinanza, l’indennità di disoccupazione o altre agevolazioni.

Centoventisei falsi poveri, tra cui anche alcuni appartenenti alla criminalità organizzata, sono stati scoperti e denunciati dalla Guardia di finanza di Tropea nell’ambito dei controlli attuati nei confronti di percettori dei cosiddetti “buoni spesa”, erogati dai Comuni alle famiglie in difficoltà, destinati all’acquisto di generi alimentari e di prima necessità. I controlli hanno riguardato 225 istanze di autocertificazione consentendo di accertare irregolarità nella metà dei nuclei familiari richiedenti. Emerse richieste doppie nella stessa famiglia. I coinvolti dovranno pagare una sanzione che va dai 5 mila ai 25 mila euro.

Leggi anche:
Sequestrate 12mila tonnellate di rifiuti speciali abbandonati: 17 misure cautelari
Scuola, il ministro Azzolina: «Garantiremo l’immissione in ruolo di 78mila docenti»
– 
Ponte Morandi, la gestione spetta ad Autostrade ma si tornerà a parlare di revoca. Toti: «Governo minacciato»
– 
Torre Annunziata, controlli dei carabinieri nel centro storico: trovate e armi e droga. Scoperti allacci abusivi
– 
Roma, caso Vannini: al via il processo d’appello bis per la morte del 20enne
Malore in montagna, grave il procuratore di Modena Giovagnoli: guidò le indagini sulla morte di Marco Biagi

mercoledì, 8 luglio 2020 - 15:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA