Cura Italia, banca nega il prestito a un imprenditore. Il tribunale obbliga l’istituto a pagare i 25mila euro


Il tribunale di Caltanissetta ha dato ragione a un imprenditore, titolare di una piccola impresa, che aveva fatto ricordo dopo essersi visto negare i 25 mila euro previsti dal ‘Cura Italia’ per agevolare le aziende in difficoltà economica a seguito della pandemia di coronavirus.

La banca, secondo quanto riferito dall’avvocato dell’imprenditore, Giuseppe Giunta, aveva opposto un generico veto poiché non c’erano i requisiti per chiedere il prestito agevolato. Il giudice Francesco Lauricella, dopo l’analisi della documentazione allegata agli atti, ha emesso però un’ ordinanza di accoglimento con la quale ha ordinato alla Banca di pagare immediatamente la somma di 25 mila euro richiesta, fissando anche l’udienza per la comparizione delle parti al fine di confermare, modificare o revocare l’ordinanza stessa. «Per questa categoria di prestiti – ha detto l’avvocato Giunta – non c’è valutazione del merito di credito, è sufficiente un’autocertificazione sui ricavi».

Leggi anche:
– Agguato nel Napoletano, 18enne ucciso a colpi d’arma da fuoco. Ferito un amico
– Ponte di Genova, Conte: «Aspi faccia una proposta oppure ci sarà la revoca»
Frode e corruzione negli appalti per le Forze Armate, 31 misure cautelari
– Detenuto tenta di impiccarsi in tribunale, salvato dagli agenti della Penitenziaria
Ragazzi deceduti nel sonno a Terni, fermato un 41enne: ha ammesso di avergli ceduto metadone

giovedì, 9 luglio 2020 - 10:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA