Palermo, la lunga notte dei vigili del fuoco nel sottopasso allagato: alla ricerca di possibili vittime intrappolate nelle auto

I danni del maltempo a Palermo

Il peggio è passato, ma i vigili del fuoco sono ancora a lavoro. Il maltempo che ieri si è abbattuto su Palermo ha piegato la città e provocato numerosi danni, danni che il sole di stamani esalta drammaticamente. Diverse abitazioni sono state sgomberate e ci sono macchine sommerse che ora vanno recuperate.

Per ora non ci sono vittime: i sommozzatori dei vigili del fuoco sono stati impegnati tutta la notte nel sottovaso allegato in via Da Vinci. Qui sono state individuate delle vetture e ora si procederà a recuperare soprattutto per escludere la presenza di persone. Le idrovore sono al lavoro per abbassare il livello dell’acqua.

Sono poi in corso verifiche strutturali sulle diverse palazzine a rischio di crollo tra via Marabitti e via Spedalieri fatte evacuare. In alcuni edifici sono presenti delle crepe vistose all’esterno e i residenti non sono riusciti a chiudere le porte d’ingresso.
Ancora chiuse numerose strade: la carreggiata centrale dell’arteria principale cittadina, viale Regione siciliana, direzioni Catania e Trapani, e i sottoponti di Piazzale Einsten, Rotonda Lazio e Rotonda Belgio, sono chiusi alla circolazione delle auto.

Leggi anche:
Allontanato dalla Dna dopo i dialoghi con Palamara, il pm Sirignano torna in procura ma a Napoli Nord
«Io, violentata in un bar dei Navigli a Milano»: la procura apre un’inchiesta
Coronavirus, in Italia 162 nuovi casi e 17 decessi. Quasi 35mila le vittime dall’inizio della pandemia
Fase 3, in piazza Plebiscito la protesta dei lavoratori del settore edile di Napoli
L’appello di 83 super-ricchi: «Tassateci, vogliamo contribuire contro il Covid»
Whirlpool, di nuovo in piazza con i sindacati: la protesta parte da Napoli, aderiscono tutti gli stabilimenti
Bus con 50 bambini a bordo dirottato, autista condannato a 24 anni: risarcimenti milionari, c’è la finalità terroristica

giovedì, 16 Luglio 2020 - 10:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA