Arcelor Mittal, procura indaga per truffa ai danni dello Stato: sotto esame la richiesta per la cassa integrazione per il Covid

Ilva Taranto
L'ex Ilva di Taranto (foto Kontrolab) ora ArcelorMittal

La procura indaga per truffa ai danni dello Stato dopo l’esposto della Fiom Genova contro Arcelor Mittal che aveva chiesto, durante il lockdown, la cassa integrazione per i dipendenti. Per la Fiom sarebbe stato un uso illegittimo perché l’azienda aveva ottenuto anche la deroga per continuare a lavorare anche nei mesi di blocco. Il procuratore aggiunto Francesco Pinto ha delegato il nucleo di polizia economico finanziaria della guardia di finanza, guidato dal colonnello Maurizio Cintura.

Il segretario della Fiom Bruno Manganaro aveva evidenziato come Mittal avesse messo i lavoratori in cassa-covid subito dopo aver chiesto con due lettere formali alla Prefettura la ripartenza, in deroga alla normativa sul lockdown, di due linee di produzione, la banda stagnata e la linea di zincatura 3. La riapertura era stata concordata con i sindacati dopo la sanificazione e la messa in sicurezza dei luoghi di lavoro ed era stata chiesta dall’azienda per poter rispondere agli ordini che arrivavano anzitutto dalla filiera alimentare.

L’inchiesta mira a capire se ArcelorMittal, nonostante la richiesta di produzione in deroga, si sia trovata poi nella condizione oggettiva di non poter produrre, oppure abbia approfittato della cassa-Covid ottenendo quindi finanziamenti pubblici di cui non avrebbe avuto diritto.

Leggi anche:
– 
Auto di lusso rubate e rimesse sul mercato, 38 vetture sequestrate dalla Postrada. In cella commerciante
– 
Bomba carta sotto l’auto di un imprenditore testimone in un processo di camorra, un arresto nell’Avellinese
– 
Coronavirus in Campania, positivi tre ragazzi romani in vacanza a Capri
– 
Mafia, sequestro di beni per gli eredi del boss del clan di Valledolmo. L’uomo è morto nel 2015
– 
Omicidio-suicidio nel Vercellese, ex professoressa uccide il marito e si spara. L’uomo era un noto designer

giovedì, 23 Luglio 2020 - 18:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA