Coronavirus, Spadafora ‘svuota’ il calcio: «Tifosi allo stadio? Ancora no»


«Allo stato attuale non si può ripartire con il campionato a stadi aperti». Lo ha affermato il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, a Napoli rispondendo alle domande dei giornalisti sulla proposta della Lega che vorrebbe ripartire con con il campionato con gli stadi aperti. «Il Cts proprio stamattina ha deliberato il no al pubblico agli Internazionali di Tennis perché c’è preoccupazione per le riaperture di settembre e di conseguenza molta cautela» ha spiegato.

«Quindi c’è molta cautela – ha aggiunto – cautela che noi abbiamo mantenuto anche quando poi abbiamo autorizzato le riaperture del campionato, è grazie a quelle cautele che il campionato questo fine settimana si concluderà, e si concluderà in sicurezza». «Arriviamo a settembre, vediamo come saranno i dati epidemiologici, speriamo positivi – ha concluso – poi, il mio auspicio è di vedere il prima possibile le persone allo stadio, che torneranno quando ci potranno tornare in sicurezza».

Leggi anche:
– Incidente sul lavoro, un 45enne muore schiacciato dal suo trattore a Piacenza
– Perde il controllo dell’automobile e si schianta contro un guard-rail: deceduto a Pavia
– Covid, De Luca: «Carta d’identità obbligatoria al ristorante e controlli ai passeggeri dei bus dall’estero»
– 
Divise delle forze dell’ordine realizzate all’estero, interrogazione di Fdi sulla delocalizzazione delle aziende
– 
Salerno, termoscanner anti-Covid non in regola: maxi-sequestro della Finanza
– 
Sassari, sub ucciso da motoscafo: indagato il conducente dell’imbarcazione

venerdì, 31 luglio 2020 - 21:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA