Napoli, interdittiva antimafia per alcune società del gruppo Igea dei Cesaro: decisione dopo l’inchiesta della Dda


Figurano diversi centri diagnostici riconducibili alla famiglia Cesaro tra i destinatari dei 15 provvedimenti antimafia interdittivi emessi ieri dalla Prefettura di Napoli nei confronti di altrettante imprese operanti nei settori della sanità privata, lavori restauro, impianti elettrici, trasporti e onoranze funebri. Imprese, con sede nell’area stabiese e nell’area dell’hinterland a nord di Napoli. Tra le imprese della sanità figurano anche alcune società del gruppo Igea, il noto centro diagnostico di cui è titolare Antimo Cesaro, quest’ultimo, fratello del senatore Luigi Cesaro. Antimo, insieme ai fratelli Aniello e Raffaele, è tra i destinatari di alcune misure cautelari emesse a fine giugno dal gip di Napoli su richiesta della Dda nell’ambito di un’inchiesta su presunte collusioni, a Sant’Antimo (città natale dei fratelli Cesaro), tra criminalità organizzata e politica.

In quell’occasione venne anche chiesta, ma rigettata dal giudice, una misura cautelare per il parlamentare nei confronti del quale la procura ipotizzava il concorso esterno in associazione mafiosa.

«Rimaniamo attoniti – ha commentato Fabio Gino Fulgeri che insieme con il penalista Claudio Botti difende l’imprenditore Antimo Cesaro – perché l’azienda è un’eccellenza sia in campo sanitario, per la qualità della strumentazione e per i servizi offerti, e non ha cointeressenze camorristiche, come era stato accertato dal gip quando ha rigettato la richiesta di sequestro. Ovviamente impugneremo davanti all’autorità amministrativa il provvedimento e confidiamo che la Prefettura voglia consentire l’esercizio provvisorio dell’azienda nella quale lavorano circa 70 famiglia, che rendono un servizio importante alla collettività».

Leggi anche
Ex carabiniere ucciso, moglie e marito restano in carcere: la vittima uccisa mentre faceva jogging
– 
Coronavirus, Vladimir Putin annuncia: «La Russia ha il vaccino». Sua figlia è stata tra i primi a riceverne una dose
– 
Tre ragazzi positivi dopo vacanza fuori regione: a Ottaviano il sindaco dispone l’obbligo di mascherina all’aperto la sera
– Uccide il padre a colpi di mattarello, arrestato 28enne. La vittima aveva il divieto di avvicinarsi a moglie e figli
 Escursionista precipita da una roccia e muore: stava scalando il Monte Sernio con un amico per brindare alla loro amicizia

martedì, 11 Agosto 2020 - 20:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA