Viviana Parisi, oggi l’autopsia: dall’esito la verità sulla morte della donna. Ricerche senza sosta per trovare Gioele

Viviana Parisi
Viviana Parisi

Sarà l’autopsia a svelare le cause della morte di Viviana Parisi, la dj 43enne trovata senza vita nei boschi di Caronia, nel Messinese, a otto giorni dalla scomparsa avvenuta dopo un banale incidente d’auto lungo l’autostrada a cento chilometri dalla sua abitazione a Venetico, in provincia di Messina. L’esame autoptico si svolgerà questa mattina all’ospedale di Messina, l’esito è atteso con particolare attenzione dagli inquirenti perché collegato alle ricerche di Gioele, il figlio della donna, scomparso con lei ormai 8 giorni fa e che sembra essersi volatilizzato. Forze dell’ordine, volontari, cani molecolari, droni battono palmo a palmo la zona senza trovare alcuna traccia lungo un perimetro di 400 errati.

Ieri pomeriggio Mariella Mondello e il padre, rispettivamente cognata e suocero di Viviana sono andati nel ‘quartier generale’ delle ricerche, in una stazione di servizio Ip a poco meno di due chilometri dal luogo del ritrovamento del corpo, irriconoscibile, di Viviana. Parlando con gli inquirenti e con i soccorritori, la cognata ha ribadito che Viviana non avrebbe mai abbandonato il suo bambino.

Ieri c’è stato un vertice in Prefettura a Messina, con gli inquirenti e i soccorritori, nel corso del quale è stato deciso che le ricerche si potrebbero estendere anche in altre zone, oltre ai 400 ettari attorno al bosco in cui è stata trovata la donna, con il corpo sfigurato. Ecco perché è importante l’esito dell’autopsia. Perché se la deejay dovesse essere stata uccisa, cosa che al momento non viene esclusa, il bimbo potrebbe essere stato portato via. A quel punto, le ricerche dovranno essere ampliate in altre zone. Ma se Viviana Parisi si fosse uccisa, che è l’ipotesi più plausibile, secondo gli inquirenti, allora le ricerche proseguiranno in una zona ancora più ampia.

Leggi anche
 Sgozzata nel suo appartamento, dopo 14 anni un mozzicone di sigaretta incastra l’omicida
– 
Caso bonus, dopo la fuga di notizie l’Inps invoca la privacy. Intanto altri due consiglieri comunali si autodenunciano
– 
Far West sulla A14: assalto a portavalori con armi, chiodi e auto in fiamme. Ma i banditi scappano con pochi spiccioli
– 
Migranti, sindaco indagato per la gestione di un centro accoglienza in Calabria. L’accusa: appalti e assunzioni per amici
– 
Carabiniere pestato a Castellammare di Stabia, chiuso il cerchio attorno al gruppo di aggressori: altri due arresti

martedì, 11 Agosto 2020 - 09:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA