Migranti, il Tar sospende l’ordinanza di Musumeci. Il governatore: «Continueremo la battaglia di civiltà»

musumeci
Nello Musumeci, governatore delle Regione Siciliana

Il presidente della Terza sezione del Tar di Palermo, Maria Cristina Quiligotti, ha accolto l’istanza cautelare presentata dal Governo e ha sospeso l’esecutività del decreto del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, che prevede la chiusura degli hotspot e dei centri di accoglienza per migranti presenti sull’isola. La camera di consiglio è stata fissata per il 17 settembre prossimo. Alla base dell’impugnazione da parte del governo la considerazione che la gestione del fenomeno migratorio è competenza dello Stato, non delle Regioni.

«Quella adottata dal magistrato del TAR di Palermo è una decisione cautelare che non condividiamo e che è stata assunta senza neppure ascoltare la Regione, come può essere concesso a rischiesta della parte e come noi abbiamo formalmente chiesto, non avendo potuto depositare le nostre difese» afferma il governatore Musumeci sui social.

«Tuttavia, se in pochi giorni sono stati trasferiti oltre 800 migranti è la dimostrazione che serve denunciare il problema ad alta voce. Sulla nostra competenza in materia sanitaria non faremo un solo passo indietro. Martedì mattina sarà a Lampedusa la nostra task force e nei giorni successivi saranno verificati accuratamente gli oltre 40 centri di accoglienza che sono censiti in Sicilia. È una battaglia di civiltà dalla quale non ci possiamo esimere. Al governo di Roma chiedo ancora una volta di proclamare lo ‘stato di emergenza’ su Lampedusa e di esercitare nei fatti le competenze che rivendica. Altrimenti sono solo chiacchiere e i problemi restano tutti sulle spalle e sulla pelle dei siciliani» conclude il presidente della regione Siciliana.

Leggi anche
– Scuola, il governatore De Luca: «Alle condizioni attuali non è possibile riaprire»
– Scuola, la consegna dei nuovi banchi partirà da Codogno, Alzano e Nembro
Lecco, ragazzina di 12 anni dispersa nel Lago di Como: sommozzatori al lavoro
– Coronavirus, festa con dj e balli in una villa privata: 20 persone denunciate in Sardegna
– Coronavirus, 24 casi positivi in un’azienda agricola del Salernitano
– Non si ferma all’alt e tenta di investire un carabiniere per fuggire: 25enne arrestato

giovedì, 27 Agosto 2020 - 20:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA