Presunte inerzie nell’indagine su un concorso al Careggi, la procura di Genova chiede l’archiviazione ma invia atti al Csm

Csm

La procura di Genova ha chiesto l’archiviazione per l’inchiesta su presunte mancate indagini per i concorsi all’ospedale di Careggi (Firenze) che vedeva indagate almeno due persone tra cui anche un magistrato. Per i pm genovesi (il procuratore aggiunto Vittorio Ranieri Miniati e il sostituto Sabrina Monteverde hanno gestito il fascicolo) non vi sarebbero comportamenti illeciti. Gli atti sono stati pero’ trasmessi al Csm per valutare eventuali profili disciplinari.

L’indagine genovese, nata un anno fa dopo un esposto, vedeva ipotizzati i reati di concussione, abuso d’ufficio, omessa denuncia e omissione di atti d’ufficio. Le fiamme gialle avevano acquisito atti e documenti sia a palazzo di giustizia del capoluogo toscano che nella sede dell’ospedale. Secondo chi aveva presentato la denuncia, Giuseppe Spinelli che aveva vinto il concorso da primario di chirurgia maxillo facciale nel 2014 all’ospedale Careggi aveva truccato il curriculum. L’indagine a Firenze era stata archiviata una prima volta nel 2015 per poi essere riaperta nel 2016 dopo una nuova segnalazione. Anche questa indagine è stata archiviata da un altro gip.

E’ partita così la segnalazione alla procura di Genova, competente a indagare sulle vicende che riguardano i magistrati toscani, in cui si è ipotizzata una inerzia della procura di Firenze dovuta all’amicizia di Creazzo con Spinelli. Nel frattempo, però, è esplosa la vicenda Palamara, con le intercettazioni sulle nomine tra le quali quella per procuratore capo di Roma per la quale correvano anche Creazzo e Marcello Viola. Secondo i pm liguri, l’esposto non sarebbe stato fatto per ostacolare la candidatura di Creazzo alla guida della procura di Roma. Ma potrebbe essere stato “usato” successivamente, a corsa aperta.

Leggi anche
Scuola, a Napoli corse speciali dei mezzi di trasporto per gli studenti: così si tenterà di evitare il sovraffollamento
Ebru Timtik, l’avvocatessa turca che chiedeva solo un giusto processo: morta dopo 238 giorni di sciopero della fame
Roma, 14enne investito sulle strisce e ucciso: la procura chiederà il giudizio immediato per il 22enne
– Fallimento Yele, 29 indagati: sequestrati beni per 20 milioni di euro nel Cilento
– 
Scuola, Ascione (Legautonomie locali) chiede la riapertura il 28 settembre: «Irrealistico tornare in classe prima»
– 
Coronavirus nelle residenze per anziani, 22 casi in una struttura di Milano: solo per 11 necessario il ricovero in ospedale
– 
Pretende il pagamento di stipendi già versati, arrestato 45enne: minacce a imprenditore con pistola alla cintola
– 
Cade dalla bici nel giardino di casa e batte con la testa su un muretto, bambino di 9 anni in coma

venerdì, 28 Agosto 2020 - 19:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA