Si finge diplomatico e trascorre 10 giorni tra hotel e ristoranti di lusso a Capri senza pagare i conti, arrestato

Capri veduta

Ha soggiornato 10 giorni in un noto hotel a 5 stelle dell’isola azzurra e frequentato locali e ristoranti di lusso. Ha anche noleggiato un’imbarcazione completa di skipper godendosi il mare in minicrociere tra Capri e le costiere amalfitane e sorrentine. Decine di migliaia di euro spesi con carte di credito e bonifici, poi risultati falsi. Il tutto fingendo di essere un diplomatico.

E’ così finito in manette M. P., 30enne croato, arrestato per truffa e false attestazioni sulla propria identità dai carabinieri della stazione di Capri. La vacanza del 30enne, che secondo la prenotazione sarebbe dovuta finire domani, è stata interrotta dai carabinieri, allertati per le varie segnalazioni di pagamenti non andati a buon fine. All’arrivo dei militari il falso diplomatico ha continuato a mantenere il gioco, assumendo un atteggiamento quasi infastidito dalla loro presenza.

Secondo quanto ricostruito, il 30enne aveva fornito durante il check-in in hotel un documento d’identità falso e quando è arrivato il momento di saldare il conto ha informato la direzione di aver disposto un bonifico, mostrandone la ricevuta di presa in carico: totale 10mila euro. Con lo stesso trucco ha noleggiato alcune barche – complete di equipaggio – e visitato i luoghi più affascinanti dell’isola e delle vicine costiere. Anche qui il conto è stato salato: 4500 euro, ancora una volta pagati con finti bonifici comprovati con contabili fasulle. Ristretto in camera di sicurezza, è ora in attesa di giudizio.

Leggi anche:
– 
Coronavirus in Campania, ancora controlli sui rientri e feste vietate. Ordinanza in Irpinia: scuole riaperte il 24
– 
Boom di disdette in Sardegna, effetto Covid. E il governatore Salinas chiede i danni di immagine per la Regione
 Scuola, oggi si riparte: no alla mascherina se c’è il distanziamento. Azzolina: «Non ci saranno classi pollaio»
– 
Coronavirus, intesa sul trasporto locale: capienza massima dell’80% ma non per gli spostamenti inferiori a 15 minuti
– 
Esame avvocato, a Napoli il 70% dei bocciati. Majolo (Upavv): «Una batosta per la professione, urge una riforma»

martedì, 1 Settembre 2020 - 09:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA