Bari, processo escort: l’Appello riduce la condanna di Gianpaolo Tarantini

palagiustizia bari
Il Palagiustizia di Bari in piazza De Nicola

La Corte di Appello di Bari ha ridotto a 2 anni e 10 mesi di reclusione e 1.500 euro di multa (dai 7 anni e 10 mesi inflitti in primo grado), la condanna nei confronti di Gianpaolo Tarantini, l’imprenditore barese imputato per aver portato tra il 2008 e il 2009 escort nelle residenze dell’allora presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi.

I giudici, presidente Marcello De Cillis, hanno dichiarato la prescrizione di 14 delle 24 imputazioni contestate a Tarantini, confermando la penale responsabilità per dieci episodi di reclutamento e favoreggiamento della prostituzione. Hanno riconosciuto le circostanze attenuanti generiche, escluse dal Tribunale di Bari nella sentenza di primo grado, equivalenti alla contestata aggravante delle più donne reclutate.

Leggi anche:
– Ecobonus e Sisma bonus, accordo Confapi-Intesa a favore delle imprese per rendere liquidi i crediti di imposta
– Milano, monopattino elettrico contro un’automobile: 34enne in gravi condizioni
– Vannini, il pg alla Corte: «Fu omicidio volontario e non colposo, condannare i Ciontoli a 14 anni ciascuno»
– Governo e Regioni alla disfida delle ordinanze anti-Coronavirus: il Tar deciderà sui provvedimenti di Piemonte e Sardegna
– Bimba scomparsa nel nulla, genitori condannati a 20 anni per omicidio volontario

mercoledì, 16 Settembre 2020 - 14:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA