Processo Ruby bis, per Emilio Fede affidamento in prova ai servizi sociali. A giugno l’arresto a Napoli per evasione

Emilio Fede

Affidamento in prova ai servizi sociali per Emilio Fede, ex direttore del Tg4 condannato ad aprile nel 2019 a 4 anni e 7 mesi in via definitiva nell’ambito del processo Ruby bis. A decidere per l’affidamento ai servizi sociali è stato il Tribunale di Sorveglianza di Milano che ha così messo la parola fine alla detenzione domiciliare. Già da oggi fede potrà uscire di casa (l’orario è dalle 6.30 alle 22) anche spingendosi fuori dalla Lombardia ma solo previa istanza di autorizzazione.  

Il provvedimento che concede al giornalista quasi 90enne l’affidamento in prova per espiare meno di 4 anni, e che ha avuto il parere favorevole del sostituto pg Antonio Lamanna, è arrivato stamane ed è firmato del giudice Gaetano la Rocca.   Ieri si è tenuta l’udienza nell’aula dedicata ai procedimenti della Sorveglianza al pian terreno del palazzo di giustizia alla quale Emilio Fede, accompagnato dal suo legale, Salvatore Pino, ha partecipato.

Lo scorso 23 giugno Fede fu arrestato a Napoli mentre cenava in un ristorante sul Lungomare perché, secondo l’accusa, aveva raggiunto la città partenopea per festeggiare il compleanno prima che arrivasse l’autorizzazione del magistrato di Soverglianza.

Leggi anche:
– Raffica di truffe della banda dei finti avvocati, scatta il blitz dei carabinieri: 6 arresti tra Napoli e Portici
– Dicono di ospitare migranti ma non è vero, scoperta truffa da 317mila euro: 3 cooperative nel mirino, 4 denunce
– Impresentabili alle Regionali in Campania: i partiti si difendono, De Luca e Caldoro tacciono. Ciarambino (M5S) all’attacco
– Scuola, sono 9 i Comuni del Napoletano dove slitta l’inizio delle lezioni: tempi lunghi in Costiera Sorrentina
– Federico II, l’ateneo napoletano si divide sul nuovo rettore: Califano e Lorito in parità, si torna alle urne. Boom di votanti
– Crollo di Rampa Nunziante, aula inagibile da luglio: il processo trasloca nell’aula bunker di Poggioreale

venerdì, 18 Settembre 2020 - 13:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA