Napoli, 17enne ucciso durante una rapina: poliziotto iscritto nel registro degli indagati

Il luogo dell'omicidio (foto Kontrolab)

E’ stato iscritto nel registro degli indagati della Procura l’agente della Squadra Mobile della Questura di Napoli che nelle prime ore dello scorso 4 ottobre ha sparato con la sua pistola d’ordinanza contro una coppia di giovani in sella a uno scooter rubato, uccidendo il 17enne Luigi Caiafa. Il ragazzo, secondo quanto ricostruito fino ad ora, stava rapinando tre ragazzi che erano a bordo di una Mercedes, insieme con un 18enne, Ciro De Tommaso, figlio del collaboratore di giustizia “Genny la carogna”.

Secondo quanto si è appreso all’agente viene contestato l’eccesso colposo di legittima difesa: si tratta di un atto dovuto in vista dell’esame autoptico sulla salma della giovane vittima. Un esame irripetibile al quale il poliziotto potrà ora far assistere un consulente.

Leggi anche:
– Bergamo, scontro tra vetture: muore bimbo di 10 anni, grave la madre
– Popolare Bari, chiesto il processo per ostacolo alla vigilanza: alla sbarra in tre, c’è anche l’ex condirettore Jacobini
– Delitto di Garlasco, no alla revisione del processo per Stasi. La Corte: «I nuovi elementi non aiutano l’imputato»
– Rapinatori travestiti da finanzieri assaltano una villa nel Casertano: tre arresti
– Bar e ristoranti, nuova stretta anti-covid in Campania: dopo le 23 vietato mangiare fuori, si salvano le consegne a domicilio

lunedì, 5 Ottobre 2020 - 18:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA