Polizze vita intascate fingendo la morte del contraente: 6 fermi e decine di indagati per truffa alle assicurazioni


Decine di indagati e sei persone sottoposte a fermo nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Palermo sui falsi incidenti stradali simulati da una presunta organizzazione per frodare le compagnie assicurative. Secondo quanto emerso, i componenti la ‘banda’ non esitavano a chiedere risarcimenti dichiarando la falsa e prematura morte del contraente di polizze assicurative sulla vita- Dichiarando il falso, è l’accusa degli inquirenti palermitani, riuscivano a incassare il premio liquidato dalle assicurazioni. L’operazione, eseguita dalla polizia del capoluogo palermitano, è stata denominata ‘Lazzaro’.

L’inchiesta della Procura ha svelato il presunto modus operandi dell’organizzazione che, dal reclutamento dei contraenti e dei ‘falsi morti’, arrivava alla divisione dei proventi ottenuti dalle compagnie truffate.

Leggi anche:
– Falsi incidenti con la Ferrari, 4 arresti: coinvolti un imprenditore, un avvocato e due consulenti tecnici d’ufficio
– Da domani obbligo di mascherina (solo in prossimità) e multe fino a 4mila euro. Le regole del nuovo decreto anti-Covid
– Carceri, dalla prevenzione della pandemia al diritto alle relazioni familiari: assemblea e confronto dei Garanti regionali a Napoli
– Adescò minorenni su WhatsApp fingendosi una bimba, condannato a 19 anni
– Bologna, sale in taxi con 11 panetti di droga: 23enne arrestato

mercoledì, 7 Ottobre 2020 - 08:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA