Ricatto a luci rosse all’ex governatore del Lazio Marrazzo, sconto di pena in Appello ai carabinieri infedeli

carabinieri

Ridotte in appello le condanne per tre carabinieri infedeli accusati di avere ordito un ricatto, nel 2009, all’allora presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo. I giudici della prima sezione della Corte d’Appello di Roma, accogliendo una richiesta di concordato, hanno stabilito una pena a 6 anni e 9 mesi per Nicola Testini e Carlo Tagliente che in primo grado erano stati condannati a 10 anni.

Per Luciano Simone la condanna in secondo grado è di 3 anni e 10 mesi mentre in primo grado gli erano stati inflitti a 6 anni e mezzo. Per il quarto imputato, il carabiniere Antonio Tamburrino, è stata dichiarata l’intervenuta prescrizione. Le accuse erano, a vario titolo, quelle di concussione, rapina, violazione della legge sugli stupefacenti e ricettazione.

La vicenda risale al 3 luglio del 2009 quando i carabinieri fecero un blitz, nell’ambito di una operazione antidroga, nell’abitazione della trans Natali in via Gradoli. I militari con un telefono cellulare effettuarono un video in cui erano visibili sia Marrazzo che Natali che successivamente fu utilizzato come strumento di ricatto.

Leggi anche:
– Portici, focolaio Covid nella casa di riposo ‘Pio XII’: morti due anziani. Uno era ricoverato a Boscotrecase
– Covid, l’Italia «in fase acuta» finisce nella ‘black list’ della Gran Bretagna. Aumenta l’indice di contagiosità del virus
– Giovane ucciso davanti al duomo di Camporeale dopo un litigio per una donna: 28enne si costituisce
– Dopo la morte di Jole Santelli la Calabria diventa leghista: guida al vice Spirlì, salviniano ‘politicamente scorretto’
– Coronavirus in Campania, regole anche per gli ingressi negli uffici pubblici: a scaglione per ordine alfabetico

venerdì, 16 Ottobre 2020 - 13:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA