Crisi ‘da Covid’, continua la protesta in tutta Italia. Corteo funebre sul lungomare di Napoli, tafferugli a Brescia

La protesta di Napoli del 2 novembre

Non si placa lo stato di agitazione dei commercianti e degli imprenditori campani. Ieri sul Lungomare di Napoli una nuova manifestazione di protesta durante la quale hanno portato in spalla una bara bardata con il tricolore, poi adagiata in un’auto delle onoranze funebri circondata di manifesti listati a lutto. A manifestare nel giorno dedicato alla commemorazione dei defunti sono state diverse categorie imprenditoriali, in primis ristoratori, titolari di bar e artigiani che hanno così voluto tenere accesi i riflettori sulla crisi che stanno vivendo a seguito delle restrizioni imposte da ordinanze regionali e Dpcm.

I manifestanti hanno esibito i loro cartelli e striscioni  ( “O ci ascoltate o rischiate le quattro giornate”, recitava uno degli striscioni) nel corso di un corteo durante il quale non si sono registrati problemi di ordine pubblico. Una protesta pacifica in cui a tuonare erano solo le voci di chi sta vivendo un periodo davvero complicato per la propria attività.  Il corteo di protesta è partito dopo una requiem suonato con la tromba ed è arrivato davanti alla sede della Regione Campania per chiedere una maggiore interlocuzione con le autorità.

Uno scenario ben diverso da quello cui si è assistito invece a Brescia, dove ieri sera ci sono stati tafferugli tra manifestanti, soprattutto esponenti di estrema destra e ultras, e persone che contestavano la protesta. Un ultrà del Brescia si è gravemente ferito ad una mano con una bomba carta che avrebbe raccolto da terra e rischia l’amputazione dell’arto. In piazza contro le misure restrittive erano scesi gli esercenti della città.

Leggi anche:
– Rocambolesca rapina in una banca di Milano: banditi entrati dai sotterranei, lievemente ferito il direttore di filiale
– Interventi al seno dirottati nella clinica privata, dirigente medico del ‘Pascale’ di Napoli indagato per concussione
– Covid, il nuovo Dpcm mette una toppa sui ritardi del Governo in tema di trasporti e scuola. No al lockdown per gli anziani
– Tutti insieme appassionatamente nonostante i divieti: nel Napoletano festa di battesimo interrotta dai carabinieri
– Dpcm, tre aree con ‘scenari di rischio’. Ecco quali sono e quali parametri userà il Governo per stabilire il lockdown
– Spari ed esplosioni a Vienna: 3 morti e decine di feriti. L’Europa prostrata dalla pandemia sotto attacco dei terroristi

martedì, 3 Novembre 2020 - 10:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA