Detenuto malato di tumore non curato per tempo e con adeguata ‘terapia del dolore’, medico condannato

Cella Carcere

Imputata per non aver diagnosticato in tempo un tumore di cui era affetto un detenuto e per non aver nemmeno applicato la corretta “terapia del dolore” per lenire le sue sofferenze, una dottoressa, all’epoca responsabile del reparto della sezione di alta sicurezza del carcere di Opera, è stata condannata ieri, lunedì 9 novembre, a 6 mesi dal Tribunale di Milano per lesioni nei confronti dell’uomo, che morì poi all’ospedale San Paolo nel dicembre del 2014.

Il giudice della quinta penale Alessandro Santangelo ha riqualificato l’accusa di omicidio colposo in lesioni perché, in sostanza, quella forma di carcinoma polmonare avrebbe avuto comunque esito letale. Stando alle indagini del pm di Milano Maria Letizia Mocciaro, la dottoressa avrebbe causato “una sofferenza estrema” al detenuto perché non valutò “correttamente” i sintomi, non dispose “i corretti esami”, non diagnosticò “4-6 settimane prima il tumore”, non avvio’ “la corretta terapia radioterapica e/o chemioterapica con finalita’ palliativa”, né una «terapia del dolore che avrebbe mitigato in tal modo la sindrome dolorosa, migliorando la qualità di vita residua del paziente e allungando la vita dello stesso fino a 3-5 mesi».

A partire dall’agosto 2014, sempre secondo il pm, il medico non avrebbe prescritto «esami più approfonditi di secondo livello che, secondo l’ars medica, avrebbero potuto condurre alla corretta diagnosi, data la persistenza e l’aggravamento del quadro clinico fortemente sospetto per una patologia tumorale e l’approntamento di una terapia adeguata». Nel processo la moglie del detenuto morto, che fece la denuncia, era parte civile col legale Carla Garrasi.

Leggi anche:
– Coronavirus, nodo Campania e tensione istituzionale. Il ministero indaga sui dati, giallo sull’inchiesta (conoscitiva) dei pm
– Scuola, babele di ordinanze e pronunce al Tar. E Lega e Italia Viva finiscono col trovarsi d’accordo
– Violenza sessuale, l’ex Ceo di Facile.it resta in cella. Il gip: «La vittima trattata come una bambola di pezza»

martedì, 10 Novembre 2020 - 08:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA