Covid, Bertolaso torna all’attacco di Conte e del Governo: «Non è emergenza ma incompetenza. Chiedano scusa»

Guido Bertolaso
Guido Bertolaso

Guido Bertolaso torna all’attacco del Governo. Dopo le critiche di appena un mese fa con le quali denunciava errori nella previsione della seconda ondata («Qualcuno ha sbagliato», disse) e puntava l’indice contro Domenico Arcuri accusandolo di avere fatto solo figuracce, l’ex capo della Protezione civile rilancia con una dura contestazione dell’ultimo Dpcm che impone un giro di vite alla possibilità, per milioni di famiglie, di trascorrere insieme le festività natalizie. «Ecco fatto: segregati in casa per tutte le feste, anziani abbandonati, turismo demolito, nazioni confinanti strapiene di sciatori, decessi fra i più alti del mondo, e lo saranno ancora per settimane», scrive Bertolaso su Facebook.

Leggi anche / Comunicazione flop di Conte e ritardi di Speranza sulla mappa del rischio, caos in Campania. Sindaco del Pd accusa: «Assurdo»

L’ex numero uno della Protezione civile ne ha per tutti, ha cioè un parere negativo per ogni disfunzione istituzionale venutasi a creare: « Lo sapete quanti giorni di scuola hanno fatto i liceali della Campania dal 4 marzo scorso ad oggi? 14. Tutto questo perché il Governo non è stato in grado di gestire la seconda ondata che loro stessi avevano previsto».

Leggi anche / Nuovo Dpcm, Natale amaro senza turisti: chi arriva andrà in quarantena. Confermati i blocchi sugli spostamenti

E sull’alto numero di decessi che si è registrato l’altro giorno tuona: «Strillate per i morti negli USA? Il rapporto di popolazione fra noi e gli americani è di 5,5. I nostri 993 che abbiamo perso ieri fanno in proporzione 5.461 poco più del 50% degli USA!!». Per Bertolaso cioè che sta accadendo ha un solo nome: «Incompetenza». «Continuano a chiamarla emergenza, a quasi un anno dall’inizio della pandemia – aggiunge – Chiamiamola con il giusto nome: incompetenza. I Covid hospital della Fiera di Milano e di Civitanova Marche sono pieni da settimane (purtroppo) ma erano inutili giusto? Il Presidente del Consiglio continua a fare conferenze a reti unificate senza contraddittorio, ignorando l’esistenza del Parlamento e omettendo di usare l’unica parola che dovrebbe pronunciare: Scusateci».

Leggi anche:
– Esame ‘farsa’ a Luis Suarez, cartellino rosso ai vertici dell’Università per Stranieri di Perugia: scatta la sospensione
– Napoli, ‘falso’ dentista scoperto a Soccavo: era sconosciuto al Fisco dal 2011. Sigilli della Finanza allo studio abusivo
– Due poliziotti e un carabiniere arrestati in Croazia. La strana storia della ‘scorta’ a un imprenditore
– Covid, oltre 2mila nuovi casi in Campania. Morti il dirigente delle Malattie infettive del Moscati e un detenuto di Poggioreale

venerdì, 4 Dicembre 2020 - 14:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA