Rubava a Buckingham Palace: cameriere al servizio della regina condannato, voleva rivendere i ‘souvenir’ su eBay


Medaglie, suppellettili, fotografie, orologi e perfino indumenti. Ha rubato di tutto Adamo Canto, 37 anni, mentre era al servizio della regina Elisabetta come cameriere dalle mani molto lunghe. Per i suoi furti a Palazzo è stato condannato a otto mesi di carcere da un tribunale di Londra, la Westminster Magistrates’ Court.

L’inserviente di Buckingham Palace, che ha un nome di chiare origini familiari italiane ma è nato e cresciuto nello Yorkshire (Nord Inghilterra) come è emerso durante il processo, aveva raccolto un bottino valutato fino a 100 mila sterline, stando al Mail online. Il suo piano, ben poco lungimirante, prevedeva di rivendere gli oggetti sottratti dalle sontuose stanze reali e dal negozio di souvenir sul sito eBay, per guadagnare però una cifra piuttosto esigua rispetto al valore della merce: circa 7700 sterline.

Canto era stato assunto come assistente nelle cucine di Buckingham Palace nel 2015 e ha compiuto i furti nel periodo che va dal novembre 2019 all’agosto 2020. La polizia aveva ritrovato parte della sua refurtiva nei mesi scorsi e lo aveva arrestato. Il ladro alla fine ha preferito ammettere le sue colpe. Ha tentato di giustificarsi spiegando di essere stato spinto a rubare dai suoi problemi economici e dai debiti accumulati. Questo però non gli ha risparmiato il carcere.

martedì, 5 Gennaio 2021 - 17:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA