Crisi, Renzi fa ancora il disturbatore: «Scandalo gruppi in Parlamento, Italia Viva ha rinunciato a poltrone»

Matteo Renzi
Matteo Renzi (foto Kontrolab)

Nel primo giorno di consultazioni al Quirinale, necessarie per sondare il terreno in vista di una nuova maggioranza, Matteo Renzi irrompe ancora una volta nel dibattito politico con un video su Facebook in cui spara a zero contro quelli che chiama «gruppi improvvisati in Parlamento». Uno scandalo, secondo il leader di Italia Viva che ha aperto la crisi al buio, il mercimonio di poltrone che sarebbe in atto. Un’uscita che ha scatenato la reazione dura del Movimento Cinque Stelle.

«Mentre in Parlamento assistiamo a un autentico scandalo – ha detto Renzi nel video postato sui propri social – che è quello di far passare delle persone non su un’idea ma su una gestione opaca delle relazioni, alla creazione di gruppi improvvisati, siamo qui a dire con forza che noi abbiamo rinunciato alle poltrone per far valere le nostre idee». «Non è una questione caratteriale, non è un problema delle singole persone, non è un problema che si può risolvere con una poltrona. Noi – sottolinea – le poltrone le abbiamo lasciate, siamo gli unici ad averlo fatto».

Leggi anche / Crisi, ‘contiani’ già in lite: Sandra Lonardo fuori dal gruppo. Per il premier una sponda può arrivare da 2 senatori di Forza Italia

«Per fare politica occorre studiare, conoscere e fare proposte. A noi sta a cuore l’Italia e l’Italia -aggiunge Renzi- deve ripartire adesso. Solo una cosa non ci possiamo permettere, non vivere questa crisi come una grande opportunità per ripartire. O prepariamo adesso la ripartenza o l’Italia sprecherà la più grande occasione. Noi continueremo a testa alta a parlare di contenuti e se altri parlano di poltrone, polemizzano sul carattere e ci attaccano con fake news, non è un nostro problema. Noi teniamo la barra dritta, a viso aperto, sulle cose che servono all’Italia non a noi».

«In queste ore il presidente della Repubblica ha iniziato le consultazioni” e “vorrei chiarire con molta nettezza perché la crisi si è aperta oggi. Proprio adesso – sottolinea – si gioca il futuro del Paese o risolviamo i punti aperti ora o condanniamo i nostri figli e nipoti al declino più totale».

A stretto giro la durissima replica del Movimento 5 Stelle: «Prendiamo atto che Matteo Renzi è tornato ad avere lo stesso atteggiamento che ha portato a una crisi incomprensibile e scellerata. La complessità e delicatezza dell’attuale fase politica – sottolinea in una nota il Movimento – dovrebbe richiamare tutte le forze politiche alla responsabilità, per il bene dei cittadini italiani. Un comportamento che il Movimento 5 Stelle sta tenendo, insieme ad altre forze politiche. Evidentemente a tutto questo il senatore di Italia Viva non è interessato».

giovedì, 28 Gennaio 2021 - 09:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA