Fiamme in un appartamento, muore un muratore 51enne: rogo partito da una stufetta. Coinquilino salvato dai carabinieri


Un cittadino romeno di 51 anni è morto a seguito dell’incendio avvenuto questa notte nel suo appartamento a Monteforte Irpino (Avellino). Un suo coinquilino è rimasto gravemente ferito. Le cause dell’incendio sono da attribuire con tutta probabilità ad una stufetta malfunzionante. Ad allertare i soccorsi, i vicini di casa che hanno notato le fiamme e chiamato i vigili del fuoco. Sul posto anche i carabinieri cui spetterà compiere i rilievi del caso.

Sono stati proprio i militari a trarre in salvo uno dei due romeni, il più giovane, e ad evitarne morte sicura. L’uomo è stato trasportato in ospedale, ha riportato ustioni in diverse parti del corpo, mentre il suo coinquilino è morto. Secondo quanto emerso, stavano dormendo quando sono stati sorpresi dalle fiamme forse sprigionatesi dalla stufetta.

I due avevano occupato il primo piano di un edificio abbandonato in via Nazionale. Sulla natura accidentale non ci sarebbero dubbi per i carabinieri del comando provinciale di Avellino che stanno indagando sull’accaduto. I due romeni lavoravano saltuariamente come manovali, secondo alcune testimonianze.

La salma del 51enne è stata sequestrata e si trova ora nell’obitorio dell’ospedale di Avellino, in attesa delle decisioni della procura, che ha disposto il sequestro dell’edificio in cui si è sviluppato l’incendio la notte scorsa. è stato trasferito poi al centro Grandi Ustionati dell’ospedale Cardarelli di Napoli il 33enne messo in salvo dai vigili del fuoco di Avellino dal rogo dell’abitazione di Monteforte Irpino. Gravissime le ustioni riportate su tutto il corpo. 

venerdì, 12 Febbraio 2021 - 11:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA