Estate 2021, prorogato il bonus vacanze da 500 euro. Ecco come richiederlo e dove potrà essere speso. Tutte le novità

Una bagnante in mascherina. Foto Kontrolab

Il Governo, dopo averlo varato per l’estate della pandemia nel 2020, decide di prorogare il cosiddetto ‘bonus vacanze’ del valore di 500 euro. Un incentivo per i cittadini, da utilizzare nelle strutture alberghiere che aderiscono al progetto. A decidere per la proroga, allungata fino al 31 dicembre 2021, è stata la Commissione Affari costituzionali. Maggiori informazioni sono state pubblicate sul sito delle Agenzie delle Entrate.

In particolare viene spiegato che «potranno ottenere il ‘Bonus vacanze’ i nuclei familiari con Isee fino a 40.000 euro». «Per il calcolo dell’Isee è necessaria la Dichiarazione sostitutiva unica (DSU), che contiene i dati anagrafici, reddituali e patrimoniali di un nucleo familiare e ha validità dal momento della presentazione e fino al 31 dicembre successivo. L’importo del bonus sarà modulato secondo la numerosità del nucleo familiare: 500 euro per nucleo composto da tre o più persone 300 euro da due persone 150 euro da una persona”. “Per maggiori informazioni su come ottenere la Dichiarazione sostitutiva unica e calcolare l’Isee consulta il sito dell’Inps».

Il bonus viene richiesto ed erogato in forma digitale: «Per ottenerlo è necessario che un componente del nucleo familiare sia in possesso di un’identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o CIE 3.0 (Carta d’Identita Elettonica). Al momento della richiesta del bonus, infatti, si dovranno inserire le credenziali SPID e successivamente fornire l’Isee. Se non hai la tua identità digitale richiedila (SPID e CIE 3.0)». Sarà a disposizione sul cellulare o smartphone e basterà mostrarlo all’albergatore, quando sarà il momento di pagare il soggiorno, direttamente presso la struttura selezionata per trascorrere le vacanze.

Gli alberghi affiliati sono quelli che aderiscono all’iniziativa e lo sconto applicato viene rimborsato come credito di imposta attraverso il meccanismo di compensazione con modello F24, cedibile anche a istituti di credito.

Il voucher si potrà spendere presso una struttura ricettiva italiana. Può essere utilizzato, inoltre, da un solo componente del nucleo familiare, anche diverso dalla persona che lo ha richiesto. Può essere speso in un’unica soluzione, presso un’unica struttura turistica ricettiva in Italia (albergo, campeggio, villaggio turistico, agriturismo e bed and breakfast). E’ fruibile nella misura dell’80%, sotto forma di sconto immediato, per il pagamento dei servizi prestati dall’albergatore, mentre il restante 20% potrà essere scaricato come detrazione di imposta.

lunedì, 22 Febbraio 2021 - 11:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA